A Day in Fukushima

By Massimo Burbi

This article was originally published in Italian here

Prologue

Fukushima is not a city, it’s a Japanese prefecture in the Tōhoku region where nearly two million people live. Fukushima city is its administrative capital, but the name is synonymous with disaster because of what happened about 60 km away from it, where Japan borders with the Pacific Ocean to the east.

On March 11, 2011, a magnitude 9.0 earthquake occurred off the Japanese coast, It was the most powerful ever recorded in Japan and the fourth most powerful in the world since 1900.

Magnitude 9.0 might just sound like a number until you have something to compare it to. Italy still remembers the devastation brought by the 2009 earthquake in L’Aquila: 309 deaths, 65000 evacuees. That was a magnitude 5.9 (Richter) quake. Logarithmic scale might give the impression the two events were not so different after all, but a difference in magnitude of 3.0 is equivalent to a factor of roughly 30000 in the energy released [1].

And to make matters worse, the earthquake triggered a massive tsunami, with waves in excess of 10 meters that traveled at 700 km/h for up to 10 km inland resulting in 16000 deaths, 6000 injured, 2500 people missing (searches still continue for them, albeit with little hope to cling to), 120000 buildings completely collapsed, entire towns obliterated and 340000 evacuees.

The Fukushima Daiichi (meaning number one) Nuclear Power Plant was built on that coast, it withstood the earthquake and automatically shut down. It was the electricity supply that  failed because of the quake, leaving  the coolant system entirely dependent on the emergency diesel generators.  

A 2008 study (ignored by Tepco, the company running the power plant) warned that a massive tsunami with waves in excess of 10 meters high could occur in that area. In March 2011 the plant’s seawall was just little more than half that height. When a 14 meters high tsunami wave hit the coast it easily overwhelmed the seawall and completely flooded the emergency diesel generators room (culpably located in the basement). This resulted in a total loss of power in the plant, causing the coolant system to become inoperative which started the chain of events leading in the next days to the (chemical, not nuclear) explosions in reactors 1-3 and in the reactor 4’s building, which in turn triggered the release of radioactive material in the atmosphere and into the sea.

The next day more than 150000 people living within 20 km from the nuclear power plant were evacuated [2].

 

Arrival in Namie Town

It’s 11 o’clock in the morning when we arrive in Namie. It’s been more than eight and half years since the earthquake, but in many ways time seems to have stopped here.

Namie town was among the places most affected by the release of radioactive material from the Fukushima Daiichi Nuclear Power Plant, which is just 8 km away as the crow flies. For six years Namie has been a ghost town, only in the spring of 2017 people were allowed to come back, but only few of them did. “20000 people used to live here, only about 5% returned” explains Fumie, from Fukushima City, who acts as a guide and translator for the day.

The evacuation zone was progressively reduced overtime, right now it extends for 2.7% of the area of the Prefecture and about 30000 people still live as evacuees outside its border [2].

We step down the car near the railway station. Trains only go north from here, but works are in progress to restore the railway to Tomioka Town, some 20 km to the south. A cafe has just opened by the station, a taxi service has recently been resumed, and not far away from where we stand the dentist is back. Tentative signs of reconstruction, both material and human, in a scenario full of uncertainties.

Walking the streets of the town radioactivity is extremely low, rarely exceeding 0.15 µSv/h, less than in many areas of Italy. You can measure 0.30 µSv/h in Rome, and here and there in Orvieto city center readings in the region of 0.70 µSv/h are not uncommon.

What used to be one of Namie Town’s busiest streets, where several buildings have been demolished.

But in spite of radioactivity being low fear is still very much an issue here, and it should not be taken for granted that people who spent years settling elsewhere would be willing to go through another difficult transition to return to their native towns.

No radiation-induced deaths have been recorded in Fukushima so far [3], a study estimated the external dose in the first four months after the accident (when the exposure was at its highest) for nearly half a million residents and reported it was below 3 mSv for 99.4% of them [4]. The Italian per capita average dose is about 4.5 mSv per year [5].

However, about 2000 residents still died in a disorganized evacuation, where people were rushed out of hospitals suffering interruption of medical care and evacuation and relocation stress caused depression, alcoholism and suicides [6].

Fear, anxiety and lack of information on radiation killed more people than the tsunami in the prefecture [7].

Some are of the opinion that evacuation lasted for too long anyway. Shunichi Yamashita (Nagasaki University) who spent two years at the head of Fukushima prefecture’s survey to understand the health effects of the accident on population, claims people could have returned after a month [8].

In Namie the earthquake caused such severe damage that many buildings still standing had to be demolished. Several others will be soon. You can tell them by a small red sticker on the windows.

This red sticker identifies buildings about to be demolished.

We keep on walking until we reach the local school, all but abandoned now. Poignantly from one of the windows we see a shoe rack, with dozens of shoes neatly put in it.

“They belong to the school’s kids” Fumie tells me “they took them off in the morning as they always did, and when the earthquake struck, in the early afternoon, they ran away and left them behind”.

The town was evacuated the very next day. Eight and a half years later and they are still there.

The inside of Namie’s school as seen by the nearby street.

In the streets of the city center we walk by a number of buildings looking reasonably good from a distance, but a closer inspection through the broken windows reveals the desolation and the destruction brought by a monster earthquake followed by years of neglect.

So far we didn’t encounter any pedestrian, only cars. A few hundred meters down the road the picture suddenly changes: gazebos, tables, there’s a small festival going on. Apparently this happens every second Saturday of the month to cheer up those who came back. The entertainment doesn’t look exactly memorable, but people seem to enjoy it. The dose rate is less than 0.10 µSv/h.

The area is surrounded by small temporary stores, about to be moved elsewhere in the town. As soon as we enter one of them we are offered tea and biscuits. All products for sale are local and people don’t miss a chance to tell you that. It’s the same in every store we go.

You can tell that those who came back strongly wants to rebuild their communities. Farmers want to farm and sell their products, but it’s easier said than done. People here have very little trust in the government, which didn’t do a particularly good job in dealing with the emergency and the aftermath. Taking it upon themselves schools, markets and local communities independently started to test for radioactivity in meat, fish, vegetables and all sort of food you can put on the table. Probably nowhere else in the world is food as closely monitored as here, and local people know they are not running radiation-related risks by eating it. Some resident goes as far as saying he wouldn’t buy food from anywhere else, not being as tested as the one from Fukushima.

But even if food meets the standard limit of 100 Bq/kg of Cesium (which is more strict than standards in both the EU and the USA [9]), elsewhere in Japan, as well as in foreign countries, many people are too afraid of contamination to eat food from this region, despite there being no real danger.

Entertainment in Namie Town.

The stigma from the name “Fukushima” is among the biggest obstacles to this battered region’s recovery.

“It happens with people too” Fumie tells me. “Local people who went to live outside the Prefecture are often discriminated against for fear of contamination”. Being exposed to radioactivity doesn’t make you radioactive. Radioactivity is not contagious, but fear, particularly when combined with lack of information, is.

We leave Namie Town heading north west.

In the process of decontaminating the area, 5-10 cm of weakly radioactive superficial soil have been removed and put into plastic bags. But what to do with them is yet to be decided, since nobody takes the responsibility. So for the time being they stay where they are. We see hundreds of them along the road. You wonder what happens to them in the typhoon season.

We take a country road. Immediately after the accident at the Nuclear Power Plant the government ordered to kill cattle in the evacuation zone, but here there’s a man who disregarded the order. We arrive at his ranch at lunch time, he’s waiting for us. He tells us his cows can no longer be sold, therefore they’ll die of old age. “They are fat and happy” he adds.

As he tells us his story it doesn’t take long for his anger against the government and Tepco to become apparent, a state of mind that made him very critical of nuclear power. The debate on the matter ends before it even starts, time is ticking away and we still have many stops ahead of us, we must go.

Leaving the farm the dosimeter and the spectrometer come alive for the first time. At the roadside I measure a dose rate of 0.70-0.80 µSv/h, far from worrying, but enough to take the first significant measurement of the day.

Plastic bags full of weakly radioactive soil at roadside in Namie’s area.

I therefore decide to stop in order to record a gamma spectrum to check that what I am detecting is Cesium released from the Power Plant. Gamma spectroscopy is based on the fact that when a radionuclide undergoes alpha or beta decay, its nucleus is left in an excited state, and can only reach its ground state by emitting a gamma ray.

Every different radionuclide emits gamma-rays of a specific energy which become its signature. Analysing a gamma spectrum allows you not just to tell how much radioactivity there is, but what causes it as well.

The gamma spectrum confirms the presence of Cesium 137 and Cesium 134, the two main radionuclides released in the atmosphere after the accident, together with Iodine 131, the most aggressive of the three in the short term, but long gone by now, its half-life time being just 8 days, and therefore becoming harmless in a month or so.

Cesium 134 halved four times since 2011, and it’s reduced to roughly 6% of its original activity, while Cesium 137, having a 30 years half-life, will take much longer to decay away.

 

Ukedo and the No-Go Zone

We head towards the ocean and to a place called Ukedo, where formerly about 2000 people lived. The tsunami wiped it all out, killing one in ten people. The few remaining buildings were so damaged, they were torn down soon after. Looking around it’s hard to believe there used to be a small town here.

A desolate landscape. This is where Ukedo used to be.

Nothing remained, the only exception being the elementary school. Its clock hasn’t run since the day of the earthquake, it’s still stuck at the time the tsunami hit the coast. About 80 kids were in the school that day, among so much destruction they were all saved by their teachers who took them to the nearby hills after the tsunami warning was issued. From there they watched the town where they lived being erased from existence, together with the lives of many of their parents.

From here we are about 6 km away from the nuclear power plant and, looking south, we can clearly see it. The dose rate is the lowest so far, below 0.05 µSv/h.

Ukedo school’s clock.
Fukushima Daiichi Nuclear Power Plant as seen from Ukedo.

We leave the coast and take the National Route n.6, which goes through the No-Go Zone, where you can drive but you are not allowed to stop or even open the window, let alone stepping down.

The dose rate goes up, but keeps pretty low: for a second or two I read 0.50 µSv/h, but it quickly goes down to 0.30 µSv/h and stays there.

We stop at a gas station. We are still well into the No-Go Zone but inside the service area you can get out of the car without anybody complaining about it. I take the chance to record another gamma spectrum. Our stop is longer than it typically takes to fill the tank, I accumulate data for little more than 15 minutes.

Gas station on the National Route n.6, inside the No-Go Zone.
Dose rate in the service area of a gas station inside the No-Go Zone (Futaba’s area).

“How’s the radioactivity here?” Fumie asks me. I tell her we’re slightly above 0.30 µSv/h, lower than what you get in Saint Peter’s Square in Vatican City. The signature is still the same: Cesium 137 and Cesium 134.

We go back in the car and we move south on the National Route n.6 in the Futaba area. At our closest approach to the Fukushima Daiichi nuclear power plant we are about 2 km away from it. We stop on a side street. The power plant is right in front of us but we can’t get any closer than that and we don’t have much time to look around, after a couple of minutes a policeman tells us, kindly but firmly, that we need to move on. The dose rate is below 0.30 µSv/h.

A view of Fukushima Daiichi Nuclear Power Plant from a 2 km distance.

Continuing South, we run into the only real hot spot of the day. I read 3-4 µSv/h, but it’s short-lived, a minute later the dose rate is already reduced by more than a half and it keeps on going down. In order to record a clear spectrum I need more time where radiation is higher (the level is not dangerous) so I ask to turn around and go back north.

You cannot stop the car inside the No-Go Zone, but nothing prevents you from going back and forth. I am not sure the driver understands why we are doing this but he doesn’t complain, we go back towards the power plant.

Our itinerary in the No-Go Zone near the Fukushima Daiichi Nuclear Power Plant. The dosimeter records a datapoint on the GPS map every 30 seconds.

I accumulate data for little less than 20 minutes. Unsurprisingly it’s the smoothest spectrum of the day, but as expected the result doesn’t change: Cesium 137 and Cesium 134. Average dose rate 1.29 µSv/h.

Gamma spectrum recorded in the No-Go Zone, on the National Route n.6, at the closest approach to Fukushima Daiichi Nuclear Power Plant.

 

Tomioka Town, divided city.

With a good spectrum finally under the belt we turn around again and we head to Tomioka Town, about 10 km to the south. The city is cut in two by a road which currently is the boundary of the No-Go Zone and this makes for a pretty surreal view: people can live on one side of the road but can’t even set a food on the opposite side. You look to your left and you see a reasonable normality, but if you look to your right there’s nothing but tall grass and total neglect.

The road dividing the habitable zone from the No-Go zone in Tomioka Town.

“I don’t understand why they left the cars behind” Fumie tells me pointing at the cars permanently parked in front of the abandoned houses. “Now they all have broken windows and flat tyres, but a year ago they still looked perfect”.

We go ahead on foot from here. Right in front of the no trespassing fence the dose rate measured by the instruments is in the region of 0.35 µSv/h. A sign not far from there tells us inside the No-Go Zone it’s 0.48 µSv/h, slightly higher but far from dangerous, and elsewhere in the town it’s much lower than that. Still, fear of radiation is among the main reasons why many people didn’t come back.

Dose rate measured near the limit of the No-Go Zone in Tomioka Town.
The dose rate measured inside the No-Go Zone is displayed by the street.
.
Beyond the guardrail there’s nothing but tall grass and total neglect.

It’s getting darker as we enter Tomioka’s railway station. “Everything’s being rebuilt from scratch here” explains Fumie, “the tsunami washed out everything away”. Just like in Namie, works are in progress to restore the railway connecting the two towns.

Looking up we see a sign reading “Tomioka will never die!”. We don’t know who put it there. We stare at it for a moment without saying a word. Then I look at my dosimeter, the dose rate is less than 0.10 µSv/h.

The sun has already set and a strong wind is blowing when we reach the coast for the last stop of the day. The other nuclear power plant of Fukushima, the number 2 (Daini), is a km away from where we stand.

The Fukushima Daini Nuclear Power Plant as seen from the coast near Tomioka Town.

We skipped lunch, and Tokyo is more than three hours away. A supermarket just reopened at Tomioka and we decide that having dinner there is the best thing to do.

The supermarket is not exactly crowded, but it works, the shelves are full of products and people have a place in town where they can find what they need. Rebuilding is not just about bricks, it’s about a social and economic fabric that was torn apart.

At the dinner table I take my laptop out and download the GPS map with all the datapoints recorded. We look at it as we finally eat, it’s a way to go through our journey again.

Total accumulated dose during more than seven hours spent in the Fukushima Prefecture, including a couple of stops inside the No-Go Zone: 1.60 µSv. “It means the average dose rate was 0.22 µSv/h, less than what you get walking the streets of Rome’s city center” I say while me and Fumie enjoy a very good sushi.

And now it’s time to go back. 250 km later we are under the Yasukuni Dori’s lights in Tokyo (Shinjuku). In the long journey from Tomioka to Tokyo we talked about many things, but when we finally say goodbye Fumie has one last request: “share what you saw with your friends and family. Your action will support Fukushima people”.

Information is the best antidote to irrational panic and fear.

The accumulated dose in little more than seven hours is 1.60 µSv. The dosimeter shows Italian time, for the Japanese time add 8 hours.
Hourly average dose rate chart of my seven hours stay inside the Fukushima Prefecture. The highest value corresponds to the hour almost entirely spent inside the No-Go Zone and slightly exceeds 0.50 µSv/h.

 

Epilogue

Five days later I take off from Tokyo to go back to Europe. In little more than 11 hours of flight my dosimeter records an accumulated dose of 44.49 µSv, with a peak dose rate of 10 µSv/h and an average dose rate at cruise altitude between 4 and 5 µSv/h.

This is likely an underestimation [11], the dosimeter is designed for terrestrial gamma rays and the cosmic rays you find at 10-12 km altitude are mostly out of its range, but even believing the numbers I read in the display, as I step down the plane, I cannot help wondering how many of the people who shared that flight with me would have been too afraid of radiation to follow me and Fumie for a day in Fukushima, where they would have been exposed to a dose nearly 30 times lower.

Hourly average dose rate chart of the 11 hour flight from Tokyo Haneda to Munich. The increase in cruise altitude from 11500 to 12200 meters, after roughly 7 hours, results in a higher dose rate.

 

Notes

The instruments measure and record the dose and dose rate for external exposure which, according to the World Health Organization (WHO), was “by far the dominant pathway contributing to effective dose” in the most affected regions of Fukushima prefecture.

https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/44877/9789241503662_eng.pdf;jsessionid=B459B0A64292271AF1134F9AF763CCDA?sequence=1 (pages 41 and 51)

Units mentioned are µSv (microsievert) e mSv (millisievert) which measure the equivalent and effective dose, the biological effect of ionizing radiation. 1 millisievert corresponds to 1000 microsieverts.

The margin of error is in the region of 10-20%.

Instruments:

  • Spetcrometer: Mirion PDS 100G
  • Dosimeter: Tracerco PED+
  • Geiger Counter: SE International Radiation Alert Ranger

The dosimeter can be used in “personal dose” mode and in “survey meter” handheld mode. While accumulating the personal dose it’s been worn on the upper body for most of the time.

References and Suggestions for Further Readings

[1] https://www.scientificamerican.com/article/details-of-japan-earthquake/

http://www.protezionecivile.gov.it/attivita-rischi/rischio-sismico/emergenze/abruzzo-2009

http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-4836d49a-370b-4179-ac82-4160dce61984.html

[2] http://www.pref.fukushima.lg.jp/site/portal-english/en03-08.html?fbclid=IwAR3dFVamEFNd93lVUo_EaDmfztSBlAqiKsUL5WvgNbxaHfjOOvZ-CVJZ4Fc

[3] https://www.who.int/ionizing_radiation/a_e/fukushima/faqs-fukushima/en/

The first, and so far only, deaths that could be radiation-related was recorded in 2018.

https://www.bbc.com/news/world-asia-45423575

[4] https://www.niph.go.jp/journal/data/67-1/201867010003.pdf

[5] http://www.fisicaweb.org/doc/radioattivita/geiger%20muller/taratura.pdf?fbclid=IwAR2GMarmxt093hTPJWUvygCtjiTePRl6OEadUXyhTMUC1LEFsxYWawO713c

[6] https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0936655516000054

https://www.ft.com/content/000f864e-22ba-11e8-add1-0e8958b189ea

[7] https://www.japantimes.co.jp/news/2014/02/20/national/post-quake-illnesses-kill-more-in-fukushima-than-2011-disaster#.Xe-D3Rt7m02

[8] https://www.newscientist.com/article/2125805-a-nuclear-ghost-town-in-japan-welcomes-back-residents-this-week/

[9] https://www.pref.fukushima.lg.jp/site/portal-it/it01-03.html

[10] https://www.japantimes.co.jp/news/2013/05/09/national/fukushima-activist-fights-fear-and-discrimination-based-on-radiation/#.XezovBt7lNA

[11] http://www.unscear.org/docs/reports/annexb.pdf

Mi illumino meglio

Nell’Africa sub-sahariana oltre 700 milioni di persone fanno esclusivo affidamento sulla combustione di biomasse (100% rinnovabili) per soddisfare i loro bisogni energetici. Oltre 600 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità.
A livello mondiale, oltre un miliardo di persone non ha accesso all’elettricità e più di 2 miliardi e mezzo di persone non hanno accesso a energia sicura e non inquinante per cucinare (fonte iea.org).
 
Loro si illuminano di meno, a noi la responsabilità di illuminarli ed illuminarci meglio.
milluminomeglioCNeR2.001

La centrale di Krško e la cultura della Sicurezza Nucleare

La città di Trieste ha ospitato alcune settimane fa un’importante serie di eventi istituzionali e informativi dedicati al tema della sicurezza nucleare.
Oltre al convegno nazionale dell’Associazione Italiana di Radioprotezione, svoltosi dal 19 al 21 ottobre, il capoluogo giuliano è stato il teatro di un incontro bilaterale tra le Autorità di sicurezza nucleare italiana e slovena (ISPRA e SNSA), che ha visto la partecipazione anche di rappresentanti della Regione Friuli Venezia Giulia, dell’ARPA e della Protezione Civile regionali. A margine di questi appuntamenti di rilievo istituzionale, non sono mancate le iniziative rivolte alla cittadinanza, con convegni, conferenze e una tavola rotonda sullo stato dell’arte della prevenzione e gestione delle emergenze radiologiche e sulle problematiche relative alla comunicazione sulla sicurezza nucleare.

Figura 1: Stefano Laporta (Direttore ISPRA), Sara Vito (Assessore regionale Ambiente ed Energia) e Luca Marchesi (Direttore generale ARPA FVG) al convegno
Figura 1: Stefano Laporta (Direttore ISPRA), Sara Vito (Assessore regionale Ambiente ed Energia) e Luca Marchesi (Direttore generale ARPA FVG) al convegno “La gestione dell’emergenza radiologica a Trieste e in Friuli Venezia Giulia”, nella sede della Regione – Trieste 18/10/2016. Foto ARPA FVG

Nonostante la rilevanza e l’attualità delle tematiche trattate e l’autorevolezza dei rappresentanti istituzionali intervenuti, spiace notare come gli appuntamenti in programma abbiano faticato a ritagliarsi uno spazio sui media nazionali e locali. A destare in noi un certo stupore è stato in particolare il quasi totale silenzio del principale organo di stampa del capoluogo giuliano, “Il Piccolo” (Gruppo Editoriale l’Espresso), che nei giorni precedenti alla manifestazione e per tutta la settimana di svolgimento ha omesso di segnalare gli eventi sopracitati e di fornirne un successivo resoconto. Tutto questo a dispetto dell’interesse spesso manifestato dalla cittadinanza sul tema e dell’attenzione che periodicamente viene dedicata dal medesimo giornale – il più delle volte con toni sproporzionati e allarmistici – alle vicende legate alla vicina centrale nucleare slovena di Krško ed ai rischi radiologici a cui la popolazione dell’intero Friuli Venezia Giulia sarebbe esposta, in caso di un ipotetico quanto improbabile incidente catastrofico (INES 7). Tale scelta editoriale appare ancor più stonata se si considera che pochi giorni addietro la stessa testata giornalistica aveva ospitato sulle sue colonne un ampio resoconto dell’audizione di alcuni ricercatori, presso la Commissione Ambiente del Senato, in merito alla rivalutazione della pericolosità sismica dell’area nella quale sorge l’impianto sloveno.
É evidente che le problematiche relative al rischio sismico e quelle sulla sicurezza radiologica dell’impianto di Krško e dell’area circostante (Trieste inclusa) sono fortemente correlate; parlare quindi estesamente e ripetutamente delle prime ed evitare completamente di fare menzione delle iniziative che discutono delle seconde, non costituisce a nostro avviso un esempio di buon servizio di informazione: la realtà dei fatti viene in questo modo dipinta in modo quantomeno parziale.

Figura 2: Edizione cartacea de “Il Piccolo” del 5 maggio 2016: la notizia dell'estensione ventennale dell'operatività della centrale viene dipinta come un “incubo” che si perpetua, “fra avarie, allarmi e paure”.
Figura 2: Edizione cartacea de “Il Piccolo” del 5 maggio 2016: la notizia dell’estensione ventennale dell’operatività della centrale viene dipinta come un “incubo” che si perpetua, “fra avarie, allarmi e paure”.

Da parte nostra non possiamo che ripetere quanto andiamo dicendo da anni: il nostro Paese ha un enorme bisogno di promuovere una solida cultura della sicurezza. Esiste infatti un evidente divario tra il rischio reale associato alle diverse attività umane, e il corrispondente rischio percepito dalla popolazione. Quest’ultimo viene spesso sovrastimato quando le conoscenze sull’argomento sono deboli (se non nulle), e quando i media – come nel caso dell’energia nucleare – tendono discrezionalmente ad evidenziare specifici aspetti problematici, tralasciando quelle informazioni tecniche che sarebbero utili per inquadrare in maniera più equilibrata la questione, o semplicemente parlano di un argomento solo in occasione di incidenti o per sollevare preoccupazioni.
Di conseguenza, la promozione della cultura della sicurezza può avvenire solo grazie all’accrescimento delle conoscenze scientifiche e tecnologiche dei cittadini, a partire dal sistema scolastico, nonché alla promozione di una informazione giornalistica che sia il più possibile oggettiva, completa e tecnicamente adeguata.
Comprendiamo quanto ciò faccia a pugni con la necessità degli organi di stampa di solleticare la paura della gente e di cavalcare l’onda del sensazionalismo, ma c’è un limite di ragionevolezza che non dovrebbe essere travalicato, ed una responsabilità a cui nessun giornalista dovrebbe sottrarsi.
Non è certo un caso se poi, in occasione di eventi drammatici come le scosse di terremoto che hanno colpito nuovamente il Centro Italia in questi giorni, le teorie più strampalate trovino terreno fertile in ampi strati della popolazione, assieme ad un clima di strisciante sfiducia e di sospetto nei confronti delle istituzioni scientifiche e degli enti preposti al monitoraggio e alla gestione delle emergenze.

Detto questo, è anche vero che siamo ben consapevoli di non avere in tasca tutte le soluzioni, né eventualmente i mezzi per poterle applicare: nel nostro piccolo ci sentiamo piuttosto una goccia nel mare. Questo però non ci scoraggia, ed in ogni frangente portiamo avanti l’impegno che ci siamo presi con chi ci segue: una corretta divulgazione scientifica per stimolare una riflessione indipendente da ideologismi e pregiudizi.

Tornando dunque al tema che dà il titolo a questo nostro articolo, forniamo volentieri qui di seguito una breve ricostruzione di uno degli eventi a cui abbiamo assistito nel corso della settimana triestina dedicata alla sicurezza nucleare: la conferenza intitolata “Radioprotezione in Italia e in Friuli Venezia Giulia: la centrale nucleare di Krško”,  promossa dal Centro Culturale Veritas e svoltasi il 17 ottobre, con la partecipazione del direttore generale dell’ISPRA Stefano Laporta, del direttore dell’ARPA FVG Luca Marchesi e con l’intervento dei tecnici del Centro Regionale per la Radioprotezione dell’ARPA FVG, Concettina Giovani e Massimo Garavaglia.

Figura 3
Figura 3

La conferenza è iniziata con un articolato resoconto sulle attività di monitoraggio della radioattività ambientale, che in Italia vengono condotte sotto il controllo dei Ministeri dell’Ambiente e della Salute, attraverso reti di rilevamento regionali e nazionali [1].

Ad oggi risultano attive sul territorio italiano: la rete di sorveglianza RESORAD, organizzata attraverso le ventuno agenzie regionali e provinciali per la protezione dell’ambiente e altri istituti e laboratori locali, con lo scopo di monitorare la radioattività nell’ambiente e negli alimenti; la rete REMRAD, gestita direttamente dall’ISPRA con compito di pronto allarme, costituita da 7 stazioni automatiche in grado di segnalare, attraverso l’analisi del particolato atmosferico, le possibili contaminazioni conseguenti ad un ipotetico incidente in una installazione nucleare straniera [2]; la rete GAMMA, anch’essa gestita dall’ISPRA, composta da 61 centraline che misurano in maniera automatica la dose gamma in aria, fornendo dati in tempo reale a un sistema centralizzato e integrato alla piattaforma europea di allarme EURDEP.
Di notevole interesse è stata la presentazione delle attività specifiche della rete di monitoraggio regionale, che prevede l’analisi periodica di matrici ambientali (campioni di terreno, muschi, funghi, particolato atmosferico, fall-out) e alimentari (carni, latte e suoi derivati, frutta, verdura, selvaggina, pesci, uova, ecc.), al fine di rilevare e valutare tempestivamente la possibile esposizione degli esseri umani a valori anomali di radioattività per inalazione o ingestione [3]. Nel caso del Friuli Venezia Giulia, tale attività è condotta dal Centro Regionale per la Radioprotezione dell’ARPA FVG, con stazioni di raccolta e controllo del particolato atmosferico e laboratori di analisi dislocati tra Udine e Gorizia.

Figura 4: Vista aerea della centrale nucleare di Krško. La società che gestisce l’impianto, la Nuklearna elektrarna Krško, è una joint venture al 50% tra le società statali slovena Gen-Energija e croata Hrvatska elektroprivreda (HEP), controllate rispettivamente dal Ministero sloveno delle Infrastrutture e dal Ministero croato dell’Economia. La centrale è localizzata ad una distanza in linea d’aria di 77 km da Lubiana e di 41 km da Zagabria.
Figura 4: Vista aerea della centrale nucleare di Krško. La società che gestisce l’impianto, la Nuklearna elektrarna Krško, è una joint venture al 50% tra le società statali slovena Gen-Energija e croata Hrvatska elektroprivreda (HEP), controllate rispettivamente dal Ministero sloveno delle Infrastrutture e dal Ministero croato dell’Economia. La centrale è localizzata ad una distanza in linea d’aria di 77 km da Lubiana e di 41 km da Zagabria.

La seconda parte del convegno è stata dedicata ad una illustrazione dello stato dell’arte relativo ai rischi radiologici associati alla centrale nucleare di Krško. Si tratta come noto di un impianto situato ad una distanza dalla città di Trieste di circa 130 km in linea d’aria, e che noi del Comitato Nucleare e Ragione conosciamo bene avendo allestito, nel corso degli ultimi due anni, ben quattro visite tecniche, con ampio successo in termini di partecipazione e di interesse.
In merito a questo aspetto i tecnici dell’ARPA hanno ampiamente confermato un quadro rassicurante, in cui il rischio radiologico per la popolazione risulta decisamente basso, soprattutto se confrontato con quello – spesso sottovalutato – derivante dall’impiego di radionuclidi in ambito medico o industriale [4].

Pur trattandosi di un impianto in attività da più di 30 anni, la centrale di Krško rispetta ampiamente le normative e gli standard internazionali, ed è stata sottoposta negli anni a continui interventi di manutenzione e aggiornamento, finalizzati ad un miglioramento generale delle prestazioni e dei parametri di sicurezza, anche per quanto riguarda il rischio sismico. Tra le numerose azioni recentemente messe in atto vi è – a titolo di esempio – l’installazione di un nuovo sistema di filtri (Passive Containment Filtering Ventilation System), che in caso di incidente al nocciolo del reattore è capace di trattenere fino al 99% dei radionuclidi eventualmente fuoriusciti. Si tratta di un dispositivo passivo, ovvero che non richiede l’intervento di un operatore ed è in grado di funzionare senza alcun tipo di alimentazione. La centrale di Krško è stata la prima, in Europa, a dotarsi di questo sistema, che fa parte dell’insieme di interventi predisposti nell’ambito del Safety Upgrade Program avviato nel 2012.  É importante sottolineare come l’iter per l’estensione ventennale dell’operatività della centrale (dal 2023 al 2043) è stato autorizzato proprio in virtù di questo piano di miglioramento, che sarà in ogni caso sottoposto a verifica decennale e che vedrà anche l’ISPRA tra i soggetti direttamente informati, in virtù di un accordo bilaterale siglato con la SNSA nel 2010, e che prevede un canale privilegiato di comunicazione tra le istituzioni italiane e slovene.
Merita segnalare a questo proposito come, nell’ambito della cooperazione tra Stati in tema di sicurezza nucleare, nel marzo di quest’anno sia stata condotta un’esercitazione internazionale di emergenza, che ha assunto a riferimento uno scenario di incidente nucleare simulato proprio nella centrale di Krško! L’Italia ha partecipato all’esercitazione con una task force guidata dall’ISPRA.
Nel corso della conferenza non è mancato un approfondimento sulla discussa questione del rischio sismico della centrale. È stato sottolineata in questo contesto l’importanza della revisione di sicurezza straordinaria indetta nel 2011 (i cosiddetti stress test): sebbene gli studi probabilistici sulla pericolosità sismica dell’area, condotti nel 1994 e nel 2004, abbiano fornito delle stime dei valori massimi di accelerazione attesi (PGA, Peak Ground Acceleration) superiori a quelli considerati in fase di progettazione dell’impianto [5], il rapporto ufficiale pubblicato dalla SNSA ha evidenziato come gli spettri di risposta della struttura, calcolati considerando i nuovi valori di PGA, siano risultati in tutto simili a quelli calcolati con i valori originari di progetto. Nello stesso rapporto è stato specificato inoltre che ipotetici danni al nocciolo sarebbero possibili solo al verificarsi di un sisma con accelerazioni al suolo pari a 0.8-0.9 g  – evento caratterizzato da un periodo di ritorno superiore ai 50.000 anni, e che solo delle sollecitazioni significativamente superiori a 1.0 g – quindi con tempi di ritorno ancora maggiori – sarebbero in grado di provocare danni alle strutture ed ai sistemi di contenimento e di mitigazione tali da causare rilasci incontrollati di materiale radioattivo nell’ambiente  con conseguente rischio sanitario [6].

Figura 5: Andamento del parametro probabilistico di frequenza di danneggiamento del nocciolo (Core Damage Frequency) per la centrale nucleare di Krško: si noti come tale valore sia quasi dimezzato a seguito degli interventi di ammodernamento dell'impianto messi in atto negli anni successivi all'incidente del 2011 presso la centrale giapponese di Fukushima [6]. Immagine per gentile concessione di Nuklearna Elektrarna Krško.
Figura 5: Andamento del parametro probabilistico di frequenza di danneggiamento del nocciolo (Core Damage Frequency) per la centrale nucleare di Krško: si noti come tale valore sia quasi dimezzato a seguito degli interventi di ammodernamento dell’impianto messi in atto negli anni successivi all’incidente del 2011 presso la centrale giapponese di Fukushima [6]. Immagine per gentile concessione di Nuklearna Elektrarna Krško.
Il convegno si è concluso con l’intervento del direttore generale dell’ISPRA. Nell’illustrare le attività istituzionali e le finalità del Dipartimento Nucleare, Rischio tecnologico e Industriale dell’ente [7], Stefano Laporta ha ribadito l’importanza di “squarciare il velo dell’ipocrisia” che avvolge in Italia il dibattito pubblico sul nucleare. Non diciamo nulla di nuovo ricordando che l’Italia, nonostante la rinuncia alla produzione sul territorio nazionale di energia elettrica attraverso i processi di fissione, non è mai uscita, né mai uscirà dal nucleare – per quanto questa espressione possa avere un senso. I motivi sono numerosi:  1) il nostro Paese è membro a tutti gli effetti dei principali organismi internazionali che si occupano di sicurezza nucleare e di promozione dell’uso pacifico delle tecnologie nucleari; 2) il nostro Paese ha  stipulato – come già ricordato per il caso specifico della Slovenia – accordi bilaterali di collaborazione e scambio reciproco di informazioni con tutti i Paesi confinanti che ospitano reattori nucleari, dai quali siamo tra l’altro importatori netti di elettricità; 3) anche nel nostro Paese l’impiego di radioisotopi, e più in generale di sorgenti di radiazioni ionizzanti, trovano applicazione in una vastissima gamma di attività in campo medico, industriale e scientifico; 4) diverse imprese italiane sono coinvolte nella costruzione di componenti per reattori in Paesi stranieri, nonché nella realizzazione di progetti internazionali per lo sviluppo della fusione nucleare; 5) il nostro Paese è impegnato nel piano di decommissioning delle vecchie centrali e nel progetto per il Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi, la cui realizzazione rappresenta una grande opportunità in termini di investimenti e di ricaduta economica sul territorio, nonché un impegno di responsabilità, dal quale come Nazione non possiamo in alcun modo sottrarci.

Proprio su quest’ultimo aspetto il direttore dell’ISPRA non ha mancato di sottolineare l’amarezza per le mille difficoltà che si stanno riscontrando nell’iter di approvazione del progetto [8], alimentate dal pregiudizio che una porzione maggioritaria della popolazione nutre nei confronti della tecnologia nucleare, e dalla conseguente incapacità della classe politica di portare a compimento decisioni necessarie e lungimiranti, benché impopolari.

L’errore di fondo è l’assenza di un vero piano di comunicazione scientifica sul tema: di nucleare si discute da anni, ma troppo spesso a singhiozzo e solo nelle situazioni contingenti ed emergenziali, alimentando nel pubblico un atteggiamento di ostilità e diffidenza. “Passata la tempesta”, la questione ritorna nel dimenticatoio, ed ogni sforzo di comunicazione attraverso i media risulta così vanificato, costringendo ogni volta a ricominciare da capo.
L’auspicio di Laporta – che alle nostre orecchie assume il tono di un appello accorato – è quello di un vero e proprio cambio di rotta: di nucleare si deve tornare a parlare con continuità e coraggio, senza paure né ipocrisie. Solo promuovendo in tutti gli ambienti la diffusione del sapere scientifico e la cultura della sicurezza nucleare, l’Italia potrà rompere le catene dettate dal pregiudizio e tornare a scommettere sul suo futuro. É una scommessa rischiosa, ma anche un rischio che è doveroso affrontare.

E noi anche per questo non smetteremo di dare il nostro piccolo ma appassionato contributo.

[14/11/2016, aggiornamento: sono da oggi disponibili, sul sito dell’ARPA FVG, tutti i contributi del convegno “La gestione dell’emergenza radiologica a Trieste ed in Friuli Venezia Giulia”, che si è tenuto il 18 ottobre 2016 presso la Sala di Rappresentanza della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.]

NOTE:
[1]       La normativa di riferimento è il D.Lgs.230/95, che recepisce la direttiva EURATOM 96/29 e i regolamenti dell’Unione Europea in materia di radioprotezione.

[2]       Le stazioni automatiche della rete REMRAD sono situate in aree dell’Aeronautica Militare, selezionate in base alla loro importanza per il controllo di possibili vie di accesso nel territorio italiano di contaminazione radioattiva conseguente ad un ipotetico incidente catastrofico presso un impianto nucleare straniero. Una delle sette installazioni è ubicata in Friuli Venezia Giulia, nella località di Sgonico (TS).

[3] Per “fall-out” si intende la ricaduta sul terreno più o meno protratta nel tempo del materiale radioattivo polverizzato e disperso in aria a seguito di un’esplosione nucleare (come nel caso dei test nucleari) o chimica (come accaduto nell’incidente alla centrale di Chernobyl). Per maggiori dettagli: https://nucleareeragione.org/risposte-veloci/

[4]       A titolo d’esempio, riportiamo quanto accaduto alcune settimane fa presso la Norrland University Hospital in Umea (Svezia): durante le normali attività di esercizio di un ciclotrone, per la preparazione di radioisotopi a uso medico, la porta del bunker è stata lasciata aperta, esponendo alcuni addetti ad una dose ingiustificata di radiazioni. L’incidente è stato classificato al livello 2 della scala INES.

[5]       All’epoca della progettazione della centrale, e con le informazioni geologiche allora disponibili, la soglia di “spegnimento sicuro” fu individuata in uno scuotimento del suolo pari a 0.3 g. La mappa di pericolosità dell’epoca riportava infatti per l’area di Krško un valore di PGA di circa 0.2 g (valore con probabilità di superamento del 10% in 50 anni), quindi inferiore ai limiti di sicurezza della centrale. Tale valore è stato elevato nel 2004 a 0.56 g, dopo che una prima revisione della stima della pericolosità, fatta dieci anni prima, aveva fissato il valore di 0.42 g. Ricordiamo che l’accelerazione del suolo in caso di terremoto si misura in unità di gravità (g). Per esempio 0.3 g significa un’accelerazione del suolo pari a circa 3.27 m/s², ovvero il 30% dell’accelerazione di gravità.

[6]       Dal punto di vista della sicurezza radiologica, è fondamentale che un impianto nucleare sia concepito in modo da resistere ad un eventuale sisma; tale condizione necessaria non è tuttavia sufficiente. I punti di forza e di debolezza del progetto e del funzionamento di una centrale nucleare debbono essere “scandagliati” attraverso una analisi del tipo Probabilistic Risk Assessment (PRA), sia in fase iniziale sia con ripetute revisioni durante il periodo di operatività. Questo tipo di analisi, riconosciuta formalmente dagli organi di controllo nazionali ed internazionali, suddivide i rischi legati all’operatività di una centrale nucleare in 3 livelli. Il livello 1 della PRA stima la frequenza degli incidenti che causano danni al nocciolo del reattore nucleare. A questo livello, dal punto di vista probabilistico, il parametro più significativo è rappresentato dalla frequenza di danneggiamento del nocciolo (Core Damage Frequency). Nel caso della centrale nucleare di Krško (Figura 5) questo valore è significativamente calato nel corso degli anni, nonostante la rivalutazione di pericolosità sismica, proprio in virtù delle azioni messe in atto dalla centrale in un’ottica di “difesa in profondità” [defense in depth]. Il livello 2 della PRA stima la frequenza degli incidenti gravi dove non si ha solo danneggiamento del nocciolo ma anche rilascio di radionuclidi (più o meno controllato) dalla centrale nucleare. Infine, il livello 3 della PRA stima le conseguenze in termini di danni al pubblico e danni all’ambiente dei rilasci ipotetici di cui al livello precedente. Per ognuno di questi livelli di rischio vengono considerate delle precise catene di eventi (ciascuno con la propria probabilità di accadimento) in grado di produrre danni di entità e tipo diversi, ossia con danneggiamento più o meno esteso e/o grave del reattore, con rilascio controllato o incontrollato nell’ambiente esterno di radionuclidi, con ipotetico danno più o meno probabile e/o esteso per la salute degli esseri umani in particolare e/o della biosfera in generale. Tale suddivisione dell’analisi del rischio rispecchia la struttura della salvaguardia della sicurezza di una centrale nucleare, vale a dire il concetto di difesa in profondità a barriere di protezione successive, che potremmo semplificare con l’immagine di una matrioška. Per tutti questi motivi è dunque importante non confondere il rischio di un ipotetico danno grave al nocciolo, ovvero di una fusione parziale o totale del medesimo, con quello, ben più grave, di un rilascio di grandi quantità di radionuclidi nell’ambiente, né con quello gravissimo di una esposizione della biosfera a livelli di radioattività pericolosi per la salute. Per ulteriori dettagli consigliamo la lettura di una agile spiegazione della PRA fornita dalla Nuclear Regolatory Commission degli Stati Uniti, qui: http://www.nrc.gov/about-nrc/regulatory/risk-informed/pra.html

[7]       La normativa vigente attribuisce al Dipartimento Nucleare, Rischio tecnologico e Industriale dell’ISPRA le funzioni e i compiti di ente regolatore nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione. Tali compiti verranno in futuro trasferiti all’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione (ISIN), autorità recentemente istituita attraverso il D.Lgs n. 45/2014 in recepimento della direttiva 011/70/EURATOM.

[8]       Ne avevamo parlato qui e qui, quando la procedura di approvazione del progetto sembrava finalmente aver imboccato il binario giusto. Per farla breve: il 4 giugno 2014 l’ISPRA ha pubblicato la Guida Tecnica contenente i criteri per individuare le aree idonee ad ospitare il Deposito Nazionale; a gennaio 2015 la SOGIN ha consegnato ad  ISPRA la proposta di Carta delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI); l’ISPRA, nei mesi successivi ha verificato la corretta applicazione dei Criteri da parte di SOGIN; dopo alcune passaggi e richieste di approfondimenti tecnici, la Carta è stata validata e già prima dell’estate 2015 consegnata ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, per ottenere il nulla osta alla pubblicazione. L’iter si è a questo punto arenato: la SOGIN avrebbe dovuto rapidamente pubblicare  su internet e sui giornali la CNAPI e il progetto preliminare del Deposito, avviando quindi la fase di consultazione pubblica di 4 mesi, che si sarebbe conclusa con un Seminario Nazionale e la pubblicazione, 5 mesi dopo, della Carta Nazionale delle Aree Idonee (CNAI). Nulla di tutto ciò è avvenuto. La CNAPI giace sigillata nei cassetti dei ministeri, dove è probabile che vi rimanga almeno fino all’autunno 2017.

Lo stato di salute della popolazione residente nei comuni sedi di impianti nucleari

Riportiamo integralmente il seguente comunicato dell’Istituto Superiore di Sanità

Lo stato di salute della popolazione residente nei comuni sedi di impianti nucleari è generalmente sovrapponibile a quello della popolazione generale delle Regioni di appartenenza.

logo_iss

ISS 23 ottobre 2015

Sono queste le conclusioni, in linea con quelle ottenute in altri paesi europei, del primo rapporto italiano “Stato di salute della popolazione residente nei Comuni già sedi di impianti nucleari: Analisi della mortalità, stima dei casi attesi e rassegna degli altri studi epidemiologici”, commissionato dal Ministero della Salute all’Istituto Superiore di Sanità. Il rapporto è stato presentato a Roma, nel corso di una riunione della Conferenza Stato-Città.
La mortalità per molte delle patologie prese in esame è risultata inferiore rispetto alla popolazione regionale con cui è stata confrontata e gli eccessi di mortalità osservati non possono essere direttamente attribuibili all’esposizione della popolazione a dosi di radiazioni ionizzanti causate da rilasci di radioattività dagli impianti, in quanto (sulla base delle stime riportate in questo rapporto) le dosi che possono causare effetti osservabili in termini di incremento di mortalità avrebbero potuto essere prodotte solo da un continuo e rilevante funzionamento anomalo degli impianti.
Va sottolineato, infatti, che le patologie tumorali analizzate sono tutte multifattoriali, cioè vi sono diversi fattori (oltre all’esposizione a radiazioni ionizzanti) che possono aumentare il rischio di contrarre tali tumori.
Lo studio, avviato nel 2010, nell’ambito di un tavolo di coordinamento sulle attività di indagine epidemiologica nelle aree sede di servitù nucleari, ha valutato lo stato di salute della popolazione residente in nove comuni italiani già sedi di impianti nucleari e le eventuali azioni da intraprendere.
E’ stata analizzata la mortalità per 62 gruppi di patologie ma particolare attenzione è stata data a 24 patologie tumorali connesse (in modo non univoco) all’esposizione a radiazioni ionizzanti secondo quanto indicato dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro), dall’UNSCEAR (Comitato Scientifico delle Nazioni Unite sugli Effetti delle Radiazioni Atomiche), dall’ICRP (Commissione Internazionale sulla Protezione Radiologica), e dal BEIR (Comitato sugli Effetti Biologici delle Radiazioni Ionizzanti).
Nell’intero periodo 1980-2008 la mortalità complessiva per l’insieme delle 24 patologie tumorali per le quali l’esposizione alle radiazioni ionizzanti sono uno dei fattori di rischio è risultata comunque non diversa da quella di riferimento nell’insieme dei Comuni analizzati. Per i singoli Comuni, la mortalità complessiva per l’insieme delle 24 patologie tumorali risulta lievemente in eccesso a Latina (+3%), ma in difetto per altri 3 Comuni e per l’insieme dei Comuni escluso Latina (-9%).
Le analisi complessive sull’insieme dei Comuni per ognuna delle suddette 24 patologie tumorali ha mostrato, per l’intero periodo 1980-2008, un eccesso di mortalità per il tumore alla tiroide e un difetto di mortalità per tumori al colon-retto, al polmone, alla mammella e all’esofago.
Va sottolineato che gli eccessi di mortalità osservati in qualche caso nelle popolazioni dei Comuni in esame non possono essere direttamente attribuibili, in base a questa sola analisi, alla presenza di impianti nucleari, in assenza di dati o indicatori di esposizione degli individui delle popolazioni in esame ai rilasci radioattivi dagli impianti stessi.
Non è stato possibile fare un’analisi dell’incidenza delle patologie prese in esame in quanto i registri tumori coprono sono una parte del territorio italiano. Questo ha limitato la capacità di analizzare la situazione di patologie tumorali a bassa letalità.

Lo studio ha stimato inoltre l’impatto sanitario in termini di mortalità attesa prendendo in considerazione tre diverse ipotesi di livello di esposizione della popolazione alle radiazioni ionizzanti: 1) una relativa a rilasci continui di radioattività tipici per funzionamento normale di impianti nucleari, 2) una relativa a rilasci continui uguali ai massimi registrati nei dati ufficiali europei per il funzionamento normale di impianti nucleari, 3) una relativa a rilasci continui e molto consistenti causati da un continuo funzionamento anomalo (cioè continue situazioni incidentali di lieve o moderata intensità, molto diverse comunque da incidenti gravi, per i quali le dosi alla popolazione circostante sarebbero molto superiori, come nei casi di Chernobyl e Fukushima).
Le stime, effettuate sulla base di dati ufficiali europei, mostrano che assumendo che durante tutto il periodo di funzionamento degli impianti nucleari in esame i rilasci di radioattività siano stati uguali al livello massimo registrato in condizioni normali, il numero di decessi (per patologie tumorali correlabili con l’esposizione a radiazioni ionizzanti) attesi nelle popolazioni prese in esame sarebbe inferiore a 1 nell’insieme di tutti i Comuni e per tutto il periodo di osservazione (dal 1980 al 2008).
Solo in caso di rilasci consistenti di radioattività (100 volte i livelli massimi registrati in dati ufficiali) per tutto il periodo di funzionamento degli impianti si avrebbe nei circa 30 anni di osservazione un numero di casi attesi (per patologie tumorali per le quali l’esposizione a radiazioni ionizzanti ha un ruolo eziologico) superiore a 1, e tale numero rappresenterebbe circa l’1% del totale di decessi osservati per tali patologie.
Lo studio raccomanda comunque di predisporre, nel caso di impianti futuri, un’adeguata sorveglianza sia dei livelli di esposizione a radiazioni ionizzanti sia di tipo sanitario relativamente alle patologie potenzialmente correlate con l’esposizione a radiazioni ionizzanti.

Si allega l’intero Rapporto: qui

Qualità dell’acqua a Fukushima Daiichi

65

Il Governo del Giappone ha richiesto all’Agenzia per l’Energia Atomica giapponese (JAEA) un’analisi dettagliata dell’acqua presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Risponde con una analisi molto dettagliata il METI (Ministry of Economy, Trade and Industry)[1,2].
Riportiamo qui di seguito i risultati, indicando con “ND” (not detectable) i valori non rilevabili (i.e. al di sotto dei limiti di rilevabilità).

  • campione del 02/08/2015 – acque sotterraneee/freatiche pompate dal sistema di by-pass della centrale:

Cs134 = ND (limite di rilevabilità 0.0053 Bq/l)

Cs137 = 0.0068 Bq/l

Totale α = ND (limite di rilevabilità 0.63 Bq/l)

Totale β = ND (limite di rilevabilità 0.45 Bq/l)

H3 = 130 Bq/l

Sr90 = 0.0040 Bq/l

  • campioni del 19-20/08/2015 – acque sotterranee/freatiche pompate dal sistema di drenaggio della centrale e successivamente purificate:

66

Per confronto si tengano presenti i seguenti valori:

  • Target operativi

Cs134 = 1 Bq/l

Cs137 = 1 Bq/l

Totale β = 5 Bq/l (che diventa 1 Bq/l, come obiettivo nel sondaggio condotto una volta ogni dieci giorni)

H3 = 1500 Bq/l

  • Limiti secondo la normativa vigente per le acque di scarico

Cs134 = 60 Bq/l

Cs137 = 90 Bq/l

H3 = 60000 Bq/l

Sr90 = 30 Bq/l

  • Limiti secondo le linee guida dell’OMS per la qualità dell’acqua potabile

Cs134 = 10 Bq/l

Cs137 = 10 Bq/l

H3 = 10000 Bq/l

Sr90 = 10 Bq/l

Non possiamo dunque fare a meno di notare che i valori registrati sono ottimi, in quanto tutti ampiamente al di sotto dei limiti prefissati – ivi compresi quelli che caratterizzano la potabilità dell’acqua (in termini di radioattività).
Infine, approfittiamo di questo brevissimo post per consigliare la visione di un’interessante filmato. Vi troverete “riassunti”, in un agile confronto tra le istantanee di oggi e quelle immediatamente successive al disastro del 11/03/2011, alcuni dei lavori in corso a Ichi-Efu, di cui avevamo già parlato.

Eccolo:

[1] http://www.meti.go.jp/english/earthquake/nuclear/decommissioning/pdf/20150902_01a.pdf

[2] http://www.meti.go.jp/english/earthquake/nuclear/decommissioning/pdf/20150901_01a.pdf