Elezioni Politiche: le proposte dei partiti sull’energia

[il programma energetico delle forze politiche in 400 parole o meno]

Ideensammlung - Erneuerbare Energien

Proponiamo di seguito le proposte programmatiche in tema di energia dei partiti per i quali siamo stati in grado di reperirle. I paragrafi più lunghi di 400 parole sono stati sintetizzati, ma per ogni partito è riportata la fonte originale del programma. Abbiamo inoltre riportato in neretto i punti a nostro avviso principali, laddove fossero parte di un discorso più ampio, per agevolare la lettura.

Lega Nord
[…] È nostro compito far sì che sia il più pulita ed efficiente possibile.
[…] Anche per colpa di reti energetiche, idriche e gas ormai obsolete, gravano sugli utenti italiani miliardi di costi inutili […] ogni utente arriva a pagare fino a 3 volte di più del costo dell’energia e effettivamente consumata.
[…] Occorrono centrali più piccole posizionate vicino ai centri di consumo, concepite con le più moderne tecnologie che sfruttano le fonti rinnovabili sul concetto della generazione distribuita, riducendo fortemente gli oneri di trasporto e le perdite.

Oggi, ad esempio, con il biometano ottenuto ecologicamente dalla fermentazione della parte umida dei rifiuti, siamo in grado di produrre energia pulita per alimentare la rete di trasporto pubblico locale. Un sistema che ha il doppio vantaggio di produrre energia green e risolvere il problema delle discariche, diminuendo drasticamente i costi di smaltimento e di conseguenza la relativa bolletta. […] In un Paese come l’Italia, che ha la più alta esposizione solare d’Europa, il fotovoltaico di nuova generazione è un’altra fonte pulita, così come l’eolico. Dobbiamo privilegiare gli impianti di piccola produzione di energia, in modo da allargare la platea di investitori […] Sistemi piccoli, ma ad alto valore tecnologico dove l’ingegno italiano è al primo posto.

[…] Vogliamo agevolare l’iniziativa dei piccoli produttori e la costituzione di una filiera interamente Made in Italy di costruttori dei componenti. […] Saranno incrementate le agevolazioni tariffarie per le fasce di popolazione a minor reddito.

Per fare questo sarebbe opportuno:

  • Riduzione dell’impatto ambientale delle centrali termoelettriche esistenti; 


  • L’approvazione immediata del Decreto, fermo al Ministero dello sviluppo economico, che prevede di riconoscere la tariffa di cui bene ciano le società che gestiscono l’energia elettrica sulle isole, a chi produce o 
autoproduce energia da rinnovabili; 


  • Approvazione del Piano Energetico per arrivare il più vicino possibile al 100% di Energia prodotta da fonti 
rinnovabili in ogni isola; 


  • Innalzare gli incentivi per la sostituzione di vecchie caldaie (oltre i 15 anni) presenti nei condomini; 


  • Incentivi alla produzione di Energia Rinnovabile da centrali biogas; 


  • Applicazione rigorosa della normativa per le case nuove o in ristrutturazione, prevista dai decreti sui certificati di efficienza energetica, anche in considerazione dell’incentivazione alla produzione di energia elettrica 
da fonti rinnovabili che essi comportano. 


  • Riduzione IVA per i prossimi cinque anni ed eliminazione del bollo auto per le auto Elettriche. 


  • Sviluppare la rete distributiva di Energia Elettrica per autoveicoli. 


Partito Democratico
La green economy è la naturale alleata di un utilizzo efficiente di materie prime ed energia ma anche dell’innovazione e dell’hi-tech. […] La Strategia energetica nazionale (Sen), adottata con il contributo determinante del Partito Democratico, contiene le linee direttrici della politica energetica italiana dei prossimi anni. Le direttrici per il 2050 si muovono verso obiettivi ambiziosi e nella prospettiva di un sistema energetico indipendente dai combustibili fossili, sostenibile per l’ambiente, competitivo dal punto di vista economico e più sicuro. La Sen prevede un incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, con l’obiettivo minimo di una penetrazione totale sui consumi almeno al 28% nel 2030 e una percentuale di elettricità da fonti rinnovabili pari almeno al 55%. Nell’azione di penetrazione delle rinnovabili saranno centrali gli sviluppi delle tecnologie più mature (fotovoltaico ed eolico), nonché i rifacimenti e i potenziamenti degli impianti esistenti così da limitare il consumo di suolo. Lo sviluppo della produzione di energia rinnovabile va di pari passo con la cessazione della produzione di energia elettrica da carbone nel 2025 e il rafforzamento della rete elettrica per migliorarne la resistenza, la flessibilità e la sicurezza, rafforzando le connessioni con l’estero e la distribuzione locale. […] ridurre i prezzi dell’elettricità, rispetto alla media UE, e azzerare il differenziale di prezzo all’ingrosso tra il gas italiano e quello del Nord Europa. Per il gas, […] sarà importante migliorare le infrastrutture di interconnessione accrescendo nel contempo la sicurezza degli approvvigionamenti. Occorre rendere veramente competitivo il mercato elettrico e del gas, dando piena attuazione a quanto previsto dalla recente legge sulla concorrenza […].

Dobbiamo incidere con ancora più forza sulla riduzione del costo dell’energia per le imprese, con particolare riguardo a quelle piccole e medie[…]operando per ridurre le componenti fiscali e parafiscali che oggi gravano sulle bollette ed estendendo l’intervento anche ai consumi di gas. Sul fronte della mobilità sostenibile e della diffusione del vettore elettrico occorre accelerare la transizione verso modalità di trasporto meno inquinanti, promuovendo una mobilità privata e collettiva sempre più sostenibile.

Occorre anche una decisa svolta sul fronte dell’efficienza energetica tanto nel settore privato quanto nella Pubblica amministrazione, con particolare attenzione all’edilizia residenziale e pubblica. […] Nella prossima legislatura intendiamo estendere a tutti i contribuenti la piena cedibilità del credito fiscale anche a banche e intermediari finanziari[…].

Forza Italia

  • Più tecnologie innovative applicate all’efficientamento energetico
  • Risparmio energetico ed efficientamento della rete

  • Sicurezza degli approvvigionamenti

  • Più efficienza della produzione energetica e dei consumi nell’edilizia, nell’industria e nei trasporti

  • Sostegno alle energie rinnovabili

Movimento 5 Stelle
Pensiamo vi sia la necessità di una politica energetica sostenibile caratterizzata dai principi del risparmio energetico e del benessere economico a bassa intensità ecologica, alta intensità occupazionale e limitato consumo di risorse, in linea con quanto proposto nel piano energetico.

[…] calcolo dell’ impronta ecologica (Wackernagel e Rees, Università della British Columbia , Canada). Una teoria di sistema di contabilità ambientale in grado di stimare la quantità di risorse rinnovabili che una popolazione utilizza per vivere, calcolando l’area totale di ecosistemi terrestri e acquatici necessaria per fornire, in modo sostenibile, le risorse utilizzate e per assorbire, sempre in modo sostenibile, le emissioni prodotte.
[…] necessità di valutare nella maniera più precisa possibile il ritorno energetico sull’investimento energetico (EROI: Energy Return On Investment ), criterio in base al quale si opera una necessaria comparazione tra l’energia ricavata e l’energia utilizzata per arrivare al suo ottenimento (vedi impianti industriali). Per esempio, negli studi analizzati, l’energia solare fotovoltaica ha un EROI doppio rispetto ad energia da biogas agricolo. Questo calcolo ha una valenza temporale e spaziale: è cioè chiaramente variabile in base alla disponibilità di risorse in un territorio e varia nel tempo, per questa ragione dovrà essere rivalutato in diversi contesti e periodi.

Riteniamo prioritario garantire, a enti e cittadini, la possibilità di esercitare azioni contrarie a provvedimenti già assunti dai soggetti procedenti, a fortiori, richiedendo l’intervento dei poteri pubblici al fine di inibire e di prevenire il verificarsi di eventuali possibili pregiudizi all’ambiente.

Naturalmente questa bozza di programma ambientale andrà integrata con il programma energetico, infrastrutturale, agricolo e di ogni altro settore che abbia impatti ambientali o intenda usufruire di risorse finite.

Attualmente si può ottenere una linea programmatica con interessanti aspetti economici e occupazionali (almeno 1,5 milioni di posti di lavoro) che andranno progressivamente puntualizzati e potranno guidare la produzione, la ricerca e la sostenibilità e soprattutto orientare le priorità normative.

Fratelli d’Italia

  • Priorità al risparmio energetico, con azioni decise e non più rinviabili che possono fruttare un 30% in meno di consumi (e quindi di bolletta). E’ urgente razionalizzare e rilanciare le fonti rinnovabili: fotovoltaico, solare termico, eolico, biomasse, geotermico nella logica di distribuzione orizzontale e dell’autoproduzione. Avere il coraggio di investire sulla ricerca, capeggiando, da paese industrializzato privo di centrali nucleari, il consorzio internazionale per la fusione nucleare, cioè il nucleare pulito.

  • Niente discariche né inceneritori: è l’obiettivo strategico a cui tendere nel medio-lungo periodo. Il principio ispiratore del ciclo dei rifiuti è quello di riutilizzare gli scarti come materia prima seconda. In tutto il mondo sviluppato le materie raccolte e riciclate vengono vendute nell’industria. Da noi si gettano ancora in discarica, magari abusivamente o senza aver impermeabilizzato il suolo e paghiamo anche profumatamente chi li riceve. Produrre meno rifiuti, vietare imballaggi inutili e costosi, reintrodurre il vuoto a rendere, fare la raccolta porta a porta, sviluppare la filiera industriale dei materiali riciclati. Se questo ciclo viene messo in atto, la quantità residua di rifiuti è talmente scarsa e di così basso valore energetico che non vale la pena incenerirla, eliminando i danni per ambiente e salute. Facendo i giusti investimenti e perseguendo questa politica, entro pochi anni può essere raggiunto l’obiettivo di rendere ‘superflue’ le grandi discariche e gli inceneritori. Gli inceneritori, infatti, possono produrre energia elettrica solo se bruciano legno, carta e plastica. E, di fatto, oggi funzionano solo perché sostenuti impropriamente con i finanziamenti del famigerato Cip6 (quota parte della bolletta elettrica che dovrebbe aiutare solo le energie rinnovabili e invece in Italia finisce soprattutto sulle fonti ‘assimilabili’).

Più Europa
È indispensabile un salto di qualità delle politiche ambientali, con l’obiettivo di costruire un nuovo modello di sviluppo sostenibile nel lungo periodo, rispettoso dell’ambiente e idoneo ad assicurare una migliore qualità della vita. […] Per raggiungere l’obiettivo ambizioso della decarbonizzazione è necessario che la transizione sia graduale ma inesorabile, con un apporto sempre maggiore di energie rinnovabili e l’uso del gas naturale come fonte di transizione. È utile favorire disincentivi di mercato all’uso di fonti inquinanti come il sistema europeo di scambio delle quote di emissione, che garantiscano una convenienza economica alla riduzione delle emissioni, per non mettere in contrapposizione crescita economica e sostenibilità ambientale. Anche l’introduzione di una carbon tax può disincentivare i processi ad alta intensità di emissioni, nel quadro di una complessiva riduzione della pressione fiscale. Ci batteremo perché gli impegni del Governo a uscire dal carbone entro il 2025 e ottenere entro il 2030 che il 55% dell’elettricità provenga da fonti rinnovabili vengano rispettati senza compensazioni illegittime ai produttori che tardino ad adeguarsi.

Linee d’azione coerenti per l’Italia sono l’elettrificazione dei consumi energetici, compresi quelli per il trasporto privato attraverso la diffusione dei veicoli elettrici (anche ibridi in una fase di transizione) e […] il disincentivo (con misure di mercato come l’Area C di Milano) ai veicoli con motori a combustione e alle forme più inquinanti di riscaldamento degli edifici. Queste politiche devono associarsi a investimenti in potenziamento del trasporto pubblico urbano anche ferroviario (con strumenti contendibili di affidamento), alla diffusione del car sharing e bike sharing e all’eliminazione dei vincoli allo sviluppo di forme di share economy nella mobilità.

È anche necessario proseguire con le politiche per l’efficienza energetica degli edifici pubblici e privati: […] e per questo riteniamo sia importante favorire incentivi cedibili finanziariamente.

[…] introdurre principi di fiscalità ambientale più rigidi volti a disincentivare in generale il consumo di risorse finite, con eliminazione da subito dei sussidi pubblici alle fonti fossili d’energia, […].

La transizione al mercato del settore dell’energia deve essere completata con una regolamentazione corretta (non esosa per i cittadini rispetto alle buone prassi internazionali e nello stesso tempo mirata allo sviluppo) delle reti gestite in monopolio e una promozione senza indugi della concorrenza nei settori in competizione, limitando il potere di mercato degli ex monopolisti.

Liberi e Uguali
Il settore strategico, capace di intervenire su tutte le dimensioni della transizione, è la conversione ecologica dell’economia, capace di liberare l’enorme potenzialità per il rilancio di eccellenze industriali italiane, per la creazione di posti di lavoro diffusi, stabili, per la promozione delle economie sane in grado di produrre più risorse di quante vengano sottratte, in termini ambientali e sociali.

Per tutto questo, serve un Grande Piano Verde che contenga visione e strategia per puntare senza più indugi verso una totale decarbonizzazione del nostro paese e per passare dall’economia lineare a quella circolare: strategia “rifiuti zero”, riduzione dei consumi e in particolare di quelli energetici, radicale efficientamento di casa, mobilità e trasporti, e la contestuale conversione dei consumi residui verso uno scenario al 100% rinnovabile entro il 2050. Un obiettivo che si innesca sia agendo opportunamente sulla leva fiscale per esempio attraverso l’introduzione di una carbon-tax, sia investendo in programmi di efficientamento energetico, sia liberando le energie rinnovabili dalle norme fossili che le imbrigliano e, permettendo così alle imprese di guadagnare in competitività e alle famiglie di liberare risorse per altri consumi e investimenti.

Operare per il superamento della dipendenza dalle energie fossili significa, anche, costruire un modello di “democrazia energetica” che favorisca l’autoproduzione di energia pulita, in cui i cittadini e le comunità siano sempre di più consumatori, produttori e distributori di energia, riducendo così lo strapotere economico e geopolitico degli oligopolisti che oggi controllano nel mondo il settore energetico e spesso agiscono senza riguardo per i diritti umani e per l’ambiente.

CasaPound
Senza sovranità energetica non esiste sovranità nazionale. Occorre immediatamente varare un programma energetico nazionale che porti l’Italia all’autosufficienza, risparmiando miliardi di euro che oggi spendiamo per comprare all’estero combustibili fossili altamente inquinanti e peraltro in rapido esaurimento. Perché tutto dipende dall’energia: casa, salute, progresso, benessere, istruzione, pensione, lavoro, figli. Senza energia, con poca energia, con cattiva energia, noi sprofonderemo di nuovo nella condizione miserevole da cui gli altri popoli poveri e sfortunati cercano disperatamente di emergere.

Contro la sottomissione nazionale, proponiamo:

  • Ricostituzione dell’Azienda di Stato votata a produzione e distribuzione di energia elettrica.

  • Ritorno all’energia termonucleare.

  • Concreti e decisi finanziamenti delle fonti pulite e rinnovabili: biomasse, solare, eolico.

  • Concreti e decisi finanziamenti pubblici alla ricerca su: idrogeno, celle a combustibile, celle fotovoltaiche non silicee.

  • Studi di fattibilità per l’introduzione dei biocombustibili. Affidamento da parte dei comuni a società operanti nel settore dell’energia, sotto stretto controllo pubblico, per l’utilizzo degli scarti del legno da non smaltire come rifiuto urbano, ma da reimpiegare nella produzione di energia elettrica e termica attraverso la cogenerazione.

Insieme
Occorre superare la Strategia energetica nazionale (SEN) e attuare un Piano Energetico nazionale che punti al 100% di energie alternative con investimenti in rinnovabili ed efficienza energetica, con obiettivi vincolanti di riduzione di CO2 che prevedano la de-carbonizzazione e il progressivo abbandono delle fonti fossili.

È possibile trasformare l’economia italiana ed europea in un campione globale per efficienza e risparmio energetico, sulla base di tecnologie appropriate e l’utilizzo delle fonti rinnovabili, potenziando il riuso e il riciclo. Questo richiede di portare al 40% l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas climalteranti entro il 2030, dai livelli del 1990, per arrivare entro il 2050 alla totale de-carbonizzazione della società. […]

Insieme propone come prime misure urgenti:

  • Definizione di un Piano Clima Energia che metta l’Italia in linea con gli accordi sul clima di Parigi e che assicuri la revisione della posizione attuale dell’Italia nei negoziati legislativi in corso in sede europea verso obiettivi ambiziosi su rinnovabili, efficienza energetica, direttiva edifici e che chiarisca le misure concrete di adattamento e mitigazione dai cambiamenti climatici e di riduzione della dipendenza dalle fonti fossili.

  • Realizzare un programma e un calendario verso la rottamazione del motore a scoppio, così come indicato dalla risoluzione del Senato approvata dalla commissione ambiente e un programma capillare per la collocazione di colonnine elettriche.

  • Puntare sull’industria dell’auto elettrica, creando la filiera dell’auto pulita e conseguenti politiche di incentivazione graduate in base al reddito, sul retrofit, con incentivi e detrazioni fiscali.

  • Il divieto di circolazione dei motori diesel e benzina a partire dal 2035.

  • Misure per mitigare le emissioni in agricoltura e quelle industriali e domestiche ed eliminare progressivamente i sussidi e gli investimenti pubblici per i carburanti fossili, che sono oggi maggiori degli incentivi dati alle rinnovabili.

Forza Nuova
Forza Nuova riconosce nella sovranità energetica un principio fondamentale: un popolo e una nazione autenticamente indipendenti devono basarsi sulle proprie risorse, per quanto possibile, per vivere dignitosamente.
Una nazione autonoma anche dal punto di vista energetico sarà forte, libera e rispettata a livello internazionale; per questo propone:

  • Il superamento della filosofia che ha portato all’utilizzo dell’energia nucleare che, dopo i noti e gravissimi incidenti, ha dimostrato di essere fonte energetica inaffidabile e pericolosa e, pertanto, l’urgente necessità di negoziare con gli Stati confinanti, che ancora se ne avvalgono, accordi di garanzia e di tutela;

  • Un piano strategico per l’abbandono dei carburanti fossili che approdi all’impiego delle energie rinnovabili e in particolar modo: dei sistemi che sfruttano la trasformazione dei rifiuti in energia, del metano, dell’ eolico, del solare e dell’energia idroelettrica;

  • La totale nazionalizzazione delle imprese produttrici e fornitrici delle risorse energetiche nazionali;

  • La ricerca di partnership strategiche per l’acquisizione di materie prime attraverso la contrattazione diretta con i Paesi produttori e il ricorso al “baratto internazionale”, assicurando così l’indipendenza e l’affrancamento anche per i Paesi produttori dalle logiche globaliste e monopolistiche di sfruttamento;

  • Il decentramento dei sistemi produttivi su base provinciale, strutturato su un piano “circolare” che contempli: la produzione e co-generazione di energia, la rinascita dell’agricoltura e dell’allevamento, la ripresa della vendita a mescita, lo smaltimento in loco dei propri rifiuti, la sobrietà dei consumi ed il rifiorire delle economie rurali e artigiane;

  • La promozione di tecniche di costruzione, già realizzate in molti Paesi europei, per un’edilizia che conduca ad una totale autonomia energetica, privilegiando l’utilizzo di materiali nazionali e/o a chilometro zero;

  • L’incremento del trasporto tramviario, ferroviario, fluviale e pubblico in generale nelle aree metropolitane e su tutto il territorio nazionale, per diminuire i consumi e l’inquinamento atmosferico e per facilitare la mobilità privata e commerciale.

Potere al Popolo

  • una nuova politica energetica che parta dal calcolo del fabbisogno reale e dalla radicale messa in discussione della Strategia Energetica Nazionale, raccogliendo le rivendicazioni dei movimenti NO TRIV e dei comitati per il NO EOLICO SELVAGGIO e la richiesta di democrazia dei territori contro un modello centralizzato orientato da interessi multinazionali

  • la moratoria sui nuovi progetti estrattivi riguardanti combustibili fossili e lo stop a ogni progetto di estrazione non convenzionale, l’eliminazione dei sussidi pubblici alle fonti fossili o ambientalmente dannose (16 miliardi annui) da utilizzare per la creazione diretta di posti di lavoro nell’efficienza energetica, nelle energie rinnovabili, in ricerca e innovazione tecnologica

  • l’uscita totale dal carbone come fonte di produzione energetica entro il prossimo decennio, l’uso delle biomasse solo da scarti, la pianificazione degli impianti eolici con criteri di tutela paesaggistica e faunistica, lo stop a infrastrutture energetiche come il TAP e Poseidon.

Annunci

Mi illumino meglio

Nell’Africa sub-sahariana oltre 700 milioni di persone fanno esclusivo affidamento sulla combustione di biomasse (100% rinnovabili) per soddisfare i loro bisogni energetici. Oltre 600 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità.
A livello mondiale, oltre un miliardo di persone non ha accesso all’elettricità e più di 2 miliardi e mezzo di persone non hanno accesso a energia sicura e non inquinante per cucinare (fonte iea.org).
 
Loro si illuminano di meno, a noi la responsabilità di illuminarli ed illuminarci meglio.
milluminomeglioCNeR2.001

Praise be to Coal

[The dark side of Energiewende: St. Lambert church in Immerath the last victim offered to Mammon*]

In AD 2018, coal (or better lignite) keeps causing “casualties” [1] even in the heart of Europe. The small village of Immerath, suburb of Erkelenz, municipality in the German region of North Rheine-Westphalia, was the last to be grounded by Garzweiler II. Garzweiler II is not a mutant monster from Japanese manga, but an equally dangerous open-cast lignite mine, expansion of Garzweiler I.

garzweilerII
Fig. 1 Garzweiler II mine (source RWE)

It happens again and again in this tormented land, whose rich subsoil – that made it contended during the past century world wars – represents its very own damnation: environmental and historical-cultural devastation and depopulation.

First mines were opened in the early 1900 and they move to the north as new reservoirs are discovered. They devour houses, churches and personal histories on their path. Now, in the 21st century, fostered by Energiewende – the political reform that should turn German energy system green – they find new impulse.

Ongoing nuclear phase-out and massive – as well as expensive and intermittent – use of renewables make lignite an abundant, reliable and cheap source to balance the grid.

ss
Fig. 2 The empty tabernacle in St. lambert church, after deconsecration Mass held on 13th October 2013 (source Gerzweiler.com, ©Arne Müseler –  arne-mueseler.com)

Nor public protests nor religious authorities [2] or environmentalist concerns succeeded to stop the mine. Villages are evacuated and off-limited. Thousands of people fled, alive and dead, no exceptions. Then everything is grounded.

Ten days ago the Immerath “Cathedral”, actually a simple parish church although dating back to the 12th century [3], but so called since it was way too big for the number of parishioners, recently reduced to few tens. Communities receive money compensation and new infrastructures where to settle, maybe not of comparable aesthetic value.

demolition Immerath_(neu)_Kapelle_St._Lambertus,_Ansicht

Fig. 3 Left: the grounding of St Lambert church, 8th January 2018 (photo ©Arne Müseler –  arne-mueseler.com). Right: the New Immerath church (photo: Käthe und Bernd Limburg)

Once completed, Garzweiler II mine will cover 70 square kilometres (27 square miles) and through 1.3 billion tons of estimated lignite reserves (40% of the Rheine region resources) will provide fuel to the power plants till 2045, when it will be covered again.

Lignite directly supplies numerous local plants, casting another dark shadow on the life – or at least on the lungs – of local communities.

Epprath Tollhaus, Morken-Harff, Königs-Hoven, Reisdorf, Belmen, Elfegen, Garzweiler, Stolzen-berg, Prieste-rath, Pesh, Otzenrath/Spenrath, Holz, Immerath have been already devoured. Next towns to fall will be Lützerath, Holzweiler, Keyen-berg, Berverath, Westrich, Kuckum – unless something changes. Finally, the monster will stop at the doors of New Immerath.

Rheinisches_Braunkohlerevier_DE
Fig. 4 Coal reservoirs in the region (source Wikipedia)

We have already and extensively written, with facts and numbers, about the failure of Energiewende and about the nonsense of nuclear phase out in the context of fighting carbon emissions [4].

The facts that we are reporting now, reveal more than any number the fool injustice and the blind gluttony unveiled of any hypocritical good intention.

Let’s just think for a moment to how that cultural heritage (like it or not, de gustibus…) could have been promoted in ecological and sustainable ways, if just Germany were not phasing out nuclear to rely on … coal!

paesino
Fig. 5 View of Keyenberg, one of the next towns to be grounded (source Facebook)

At least oblivion will not cover these villages and their communities. They will survive thanks to a nice project by Arne Müseler, a photographer from Salzburg, who created a virtual community where St Lambert bells will keep sounding, as a reminder to humanity, who never learns from past mistakes.

Notes:

* Mammon is a New Testament term to personify money and material wealth

[1] Coal and lignite are the deadliest energy sources: 0.24 deaths/TWh for accidents and 57.1 deaths/TWh for pollution. Considering that combined total production from these sources in 2016 was 44000 TWh, we obtain an estimate of 2.5 millions fatalities per year. (Sources: Markandya, A., & Wilkinson, P. (2007). Electricity generation and health. The Lancet370(9591), 979-990; Vaclav Smil (2017). Energy Transitions: Global and National Perspectives. & BP Statistical Review of World Energy)

[2] The Roman-Catholic Bishop of Aachen, Heinrich Mussinghoff, before Pope Francis Laudato si’ encyclical letter on the environment stewardship, criticized the project for being ecologically and socially incompatible.

(http://www.spiegel.de/panorama/gesellschaft/braunkohle-warum-der-immerather-dom-abgerissen-wird-a-916853.html)

[3] Probably the first church was a Romanesque complex dating back to the 12th century. (“Die wahrscheinlich erste Kirche war eine einschiffige romanische Anlage aus dem 12. Jahrhundert”, source: https://de.wikipedia.org/wiki/St._Lambertus_(Immerath)

A renovation followed in the 14th century and the church was totally rebuilt in the 19th century.

http://www.erkelenz.de/pdf/Tourismus/Stadtportrait/Bau-_und_Kunstwerke/17_-_St__Lambertus_Immerath.pdf

[4] Our articles on Energiewende (in Italian):

07/11/2016 La lignite del vicino è sempre più verde

20/12/2016 La vittoria di Pirro delle rinnovabili tedesche

23/02/2017 Energiewende dove vai?

Recent news reports that new government coalition in Germany will scrap the 2020 emission reduction goals.

https://www.reuters.com/article/us-germany-politics/german-coalition-negotiators-agree-to-scrap-2020-climate-target-sources-idUSKBN1EX0OU

Sacrificati sull’altare del carbone

[Energiewende mostra ancora una volta il suo volto oscuro: la chiesa di San Lamberto in Immerath ultima offerta al dio denaro]

 Nell’Anno del Signore 2018 il carbone (o più precisamente la lignite) continua a mietere “vittime” [1] anche nel cuore dell’Europa. Il piccolo villaggio di Immerath, frazione di Erkelenz nella regione tedesca del Nord Reno-Westfalia, è stato l’ultimo in ordine di tempo ad essere raso al suolo da Garzweiler II. Garzweiler II non è un mostro mutante dei fumetti animati nipponici, bensì una non meno pericolosa miniera di lignite a cielo aperto, diretta espansione di Garzweiler I.

garzweilerII
La miniera di Garzweiler II (fonte RWE)

Una storia che si ripete in questa terra tormentata, la cui ricchezza del sottosuolo – che non a caso la rese oggetto di contesa nelle sanguinose guerre del secolo scorso – rappresenta la sua stessa condanna: degrado ambientale e del patrimonio storico-culturale e abbandono.

Le miniere, alcune aperte all’inizio del Novecento e chiuse negli anni Ottanta, avanzano da Sud verso Nord man mano che nuove ingenti risorse vengono scoperte. Nel loro cammino inghiottono case, chiese, storie di persone. E nel XXI secolo, sulla spinta della Energiewende – la riforma del comparto energetico tedesco che dovrebbe renderlo più verde e sostenibile – invece di rallentare trovano nuovo impulso.

L’abbandono progressivo della produzione elettronucleare ed il sempre più massiccio – quanto costoso e intermittente – ricorso alle fonti energetiche rinnovabili rendono la lignite un’abbondante, affidabile ed economica risorsa per riequilibrare il sistema elettrico tedesco.

ss
Il tabernacolo vuoto della chiesa di San Lamberto dopo la sconsacrazione avvenuta il 13 ottobre 2013 (fonte Gerzweiler.com, ©Arne Müseler –  arne-mueseler.com)

Neppure le vibrate proteste delle popolazioni, delle autorità ecclesiastiche [2] e delle associazioni ambientaliste arrestano lo scempio. I villaggi vengono evacuati ed interdetti all’accesso. Migliaia di persone hanno abbandonato le loro case, vivi e morti, nessuno escluso. Poi seguono le demolizioni.

È di tre giorni fa quella del “Duomo” di Immerath, in realtà semplice chiesa parrocchiale, seppur con una storia che data addietro al XII secolo [3], ma così chiamata dagli abitanti per le sue smisurate proporzioni rispetto all’effettivo numero dei parrocchiani, che negli ultimi tempi si erano ridotti a poche decine (l’ultima celebrazione liturgica e la sconsacrazione ebbero luogo il 13 ottobre 2013). Le comunità ricevono in cambio del loro esilio un compenso in denaro e nuove infrastrutture sul cui valore estetico lasciamo il giudizio al lettore.

demolition
La demolizione della chiesa di San Lamberto, 8 gennaio 2018 (©Arne Müseler –  arne-mueseler.com)
Immerath_(neu)_Kapelle_St._Lambertus,_Ansicht
La chiesa di Immerath nuova (foto: Käthe und Bernd Limburg)

Al suo completamento, la miniera di Garzweiler II occuperà circa 70 chilometri quadrati e con le sue riserve di lignite, stimate in 1,3 miliardi di tonnellate (40% delle risorse della Renania), fornirà combustibile fino al 2045, quando verrà risepolta.

La lignite rifornisce le numerose centrali termoelettriche dell’area, gettando un’ulteriore ombra oscura sulla vita – o quanto meno sui polmoni – degli abitanti della zona.

Epprath Tollhaus, Morken-Harff, Königs-Hoven, Reisdorf, Belmen, Elfegen, Garzweiler, Stolzen-berg, Prieste-rath, Pesh, Otzenrath/Spenrath, Holz, Immerath i villaggi già inghiottiti dalla miniera. I prossimi a cadere Lützerath, Holzweiler, Keyen-berg, Berverath, Westrich, Kuckum – almeno che le cose non cambino; dunque il mostro si arresterà alle porte di Immerath Neu, la nuova Immerath.

Rheinisches_Braunkohlerevier_DE
I giacimenti minerari della Renania (fonte Wikipedia)

Sui fallimenti della Energiewende e sull’insensatezza dell’abbandono della fonte nucleare nel contesto della riduzione delle emissioni di anidride carbonica abbiamo scritto molto su queste pagine con dati e numeri [4].

I fatti che però qui documentiamo, più di ogni dato e numero rivelano un’insensata ingiustizia, una miope cupidigia senza neppure più il velo ipocrita dei buoni propositi.

Pensiamo solo a come questi villaggi avrebbero potuto svilupparsi in termini di turismo eco-sostenibile valorizzando il poco o molto, bello o brutto (de gustibus…), patrimonio artistico e architettonico che possedevano. Se solo la Germania non stesse abbandonando il nucleare… per il carbone!

paesino
Veduta di Keyenberg, uno dei villaggi di prossima distruzione (fonte Facebook)

Quantomeno la damnatio memoriae non colpirà questi villaggi e le loro comunità. Essi continueranno a vivere grazie ad uno splendido progetto di Arne Müseler, fotografo di Salisburgo, una vera e propria comunità virtuale dove anche le campane di San Lamberto continueranno a risuonare, monito ad un’umanità che sembra proprio non voler imparare dai propri errori.

Note:

[1]          Carbone e lignite rappresentano le fonti energetiche a più elevato tasso di mortalità: 0.24 morti/TWh a causa di incidenti e 57.1 morti/TWh per conseguenza dell’inquinamento prodotto. Considerando che la produzione totale dalle suddette fonti ammontava nel 2016 a circa 44000 TWh, se ne ottiene una stima di circa 2.5 milioni di morti all’anno (fonti: Markandya, A., & Wilkinson, P. (2007). Electricity generation and health. The Lancet370(9591), 979-990; Vaclav Smil (2017). Energy Transitions: Global and National Perspectives. & BP Statistical Review of World Energy)

[2]          Il Vescovo di Aachen, Heinrich Mussinghoff, ben prima dell’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco sui temi ambientali, tuonò contro il progetto definendolo ecologicamente e socialmente incompatibile.

(http://www.spiegel.de/panorama/gesellschaft/braunkohle-warum-der-immerather-dom-abgerissen-wird-a-916853.html)

[3]          Probabilmente la prima chiesa era un complesso romanico a navata unica del XII secolo. (Die wahrscheinlich erste Kirche war eine einschiffige romanische Anlage aus dem 12. Jahrhundert.)

Fonte Wikipedia in tedesco: https://de.wikipedia.org/wiki/St._Lambertus_(Immerath)

Una massiccia ristrutturazione è attestata da documentazioni del XIV secolo. In seguito, nella seconda metà dell’Ottocento, fu integralmente ricostruita in stile neo romanico.

http://www.erkelenz.de/pdf/Tourismus/Stadtportrait/Bau-_und_Kunstwerke/17_-_St__Lambertus_Immerath.pdf

[4]          I nostri articoli sulla Energiewende:

07/11/2016         La lignite del vicino è sempre più verde

20/12/2016         La vittoria di Pirro delle rinnovabili tedesche

23/02/2017         Energiewende dove vai?

Aggiungiamo che è notizia di ieri che durante le prolungate negoziazioni per la formazione di un governo in Germania dopo le elezioni dello scorso settembre si è giunti ad avere almeno un punto sul quale tutti sono d’accordo: l’obiettivo di abbattimento delle emissioni climalteranti per il 2020 è eliminato.

https://www.reuters.com/article/us-germany-politics/german-coalition-negotiators-agree-to-scrap-2020-climate-target-sources-idUSKBN1EX0OU

 

Il sonno della ragione genera mostri*

È notizia di ieri che la corte di giustizia di Hiroshima (prefettura di Hiroshima, isola di Honshū, Giappone) ha intimato all’esercente della centrale nucleare di Ikata (prefettura di Ehime, isola di Shikoku, Giappone) l’immediata interruzione del servizio (permanent shutdown) dell’unità 3 (le unità 1 e 2 sono già fuori servizio) a causa del rischio potenziale derivante da un’eventuale eruzione del vulcano Monte Aso (prefettura di Kumamoto, isola di Kyūshū, Giappone)[1].

La decisione della corte emerge a seguito della consultazione di evidenze di una eruzione di alcune decine di migliaia di anni fa i cui effetti raggiunsero la zona occupata ora dalla centrale elettronucleare.

Colpisce particolarmente il seguente estratto dalla giustificazione della sentenza del giudice Tomoyuki Tanoue: “l’approvazione da parte dell’Autorità di Regolamentazione Nucleare della sicurezza del reattore era <<irrazionale>> (sic!) e la vita dei querelanti potrebbe essere messa in pericolo dalle radiazioni in caso di incidente rilevante”.

Umilmente chiediamo: dato che secondo la ratio del giudice gli effetti di una eruzione di massima potenza del vulcano (i.e. flussi piroclastici e ceneri – a proposito: sono radioattivi!) sarebbero in grado di far fallire completamente le barriere della difesa in profondità della centrale nucleare di Ikata, in quale modo potrebbero resistere tutte le altre strutture a salvaguardia della vita umana nel medesimo raggio di azione? Inoltre, data l’importanza del pericolo, perché non viene richiesta anche l’immediata rimozione di ogni sorgente radioattiva dalla centrale e non solo l’interruzione della produzione elettronucleare?

L’isola di Kyūshū ha una superficie di 36.753 km2, il vulcano Monte Aso dista 130 km SO dalla centrale nucleare di Ikata. Il rischio ipotetico inerente una potenziale eruzione di pari potenza a quella verificatasi decine di migliaia di anni fa dunque copre una superficie di 53.066 km2, superiore a quella della popolatissima isola in cui si trova il vulcano.

01

Fonti:

https://www.belfasttelegraph.co.uk/news/world-news/japan-court-order-shutdown-of-nuclear-reactor-because-of-proximity-to-volcano-36405299.html

http://www.fukushima-is-still-news.com/2017/12/high-court-orders-shutdown-of-ikata-no.3-part-2.html

[1] L’ unità 3 della centrale nucleare di Ikata, rientrata in operatività commerciale a settembre 2016, era già temporaneamente non operativa per ispezioni in corso previste fino alla fine di febbraio 2018. Pertanto occorre precisare che non è stato intimato l’immediato arresto del reattore, bensì il suo non riavvio.

*El sueño de la razón produce monstruos, Francisco José de Goya y Lucientes 

Evacuating a nuclear disaster areas is (usually) a waste of time and money, says study

In the aftermath of the Fukushima accident (rated 7 on the INES scale) Japanese authorities issued an evacuation order involving tens of thousands of people. Subsequently the Government’s nervousness delayed the return of many.

In the meanwhile the World Health Organisation found that the Fukushima evacuation increased mortality among elderly people who were put in temporary housing.

In addition the local government launched an extensive health survey to reach evacuees at risk of health problems and to monitor their health status. And later investigations on psychological distress assessed the association with perceived risks of radiation exposure and disaster-related stressors in people who were evacuated from their homes because of the disaster. 

In particular, the Fukushima Health Management Survey’s Mental Health and Lifestyle Survey shows associated psychological problems in some vulnerable groups of the affected population, such as increases in anxiety and post-traumatic stress disorders.

Official figures show that there have been hundreds of deaths from maintaining the evacuation, in contrast to little risk from radioactive contamination if early return had been allowed. In fact, it’s worth highlighting that according to the United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation no discernible increased incidence of radiation-related health effects are expected among exposed members of the public or their descendants.

With the progress of analysis it is increasingly clear that the most important health effect from the Fukushima accident is on mental and social well-being. This is due to the combined impacts of an earthquake, a tsunami and a nuclear accident, but also to the fear and stigma related to the perceived risk of exposure to ionizing radiation [1]. 

In the light of these facts, we believe that it is urgent to have greater understanding of the costs and benefits of prolonged evacuation of areas affected by natural or industrial disasters. For this reason, we gladly republish here the article by Prof Philip Thomas, published on November 20 on theconveration.com [2].

 

Evacuating a nuclear disaster areas is (usually) a waste of time and money, says study

Philip Thomas, University of Bristol

More than 110,000 people were moved from their homes following the Fukushima nuclear disaster in Japan in March 2011. Another 50,000 left of their own will, and 85,000 had still not returned four-and-a-half years later.

While this might seem like an obvious way of keeping people safe, my colleagues and I have just completed research that shows this kind of mass evacuation is unnecessary, and can even do more harm than good. We calculated that the Fukushima evacuation extended the population’s average life expectancy by less than three months.

To do this, we had to estimate how such a nuclear meltdown could affect the average remaining life expectancy of a population from the date of the event. The radiation would cause some people to get cancer and so die younger than they otherwise would have (other health effects are very unlikely because the radiation exposure is so limited). This brings down the average life expectancy of the whole group.

But the average radiation cancer victim will still live into their 60s or 70s. The loss of life expectancy from a radiation cancer will always be less than from an immediately fatal accident such as a train or car crash. These victims have their lives cut short by an average of 40 years, double the 20 years that the average sufferer of cancer caused by radiation exposure. So if you could choose your way of dying from the two, radiation exposure and cancer would on average leave you with a much longer lifespan.

How do you know if evacuation is worthwhile?

To work out how much a specific nuclear accident will affect life expectancy, we can use something called the CLEARE (Change of life expectancy from averting a radiation exposure) Programme. This tells us how much a specific dose of radiation will shorten your remaining lifespan by on average.

Yet knowing how a nuclear meltdown will affect average life expectancy isn’t enough to work out whether it is worth evacuating people. You also need to measure it against the costs of the evacuation. To do this, we have developed a method known as the judgement or J-value. This can effectively tell us how much quality of life people are willing to sacrifice to increase their remaining life expectancy, and at what point they are no longer willing to pay.

You can work out the J-value for a specific country using a measure of the average amount of money people in that country have (GDP per head) and a measure of how averse to risk they are, based on data about their work-life balance. When you put this data through the J-value model, you can effectively find the maximum amount people will on average be willing to pay for longer life expectancy.

After applying the J-value to the Fukushima scenario, we found that the amount of life expectancy preserved by moving people away was too low to justify it. If no one had been evacuated, the local population’s average life expectancy would have fallen by less than three months. The J-value data tells us that three months isn’t enough of a gain for people to be willing to sacrifice the quality of life lost through paying their share of the cost of an evacuation, which can run into billions of dollars (although the bill would actually be settled by the power company or government).

Japanese evacuation centre. Dai Kurokawa/EPA

The three month average loss suggests the number of people who will actually die from radiation-induced cancer is very small. Compare it to the average of 20 years lost when you look at all radiation cancer sufferers. In another comparison, the average inhabitant of London loses 4.5 months of life expectancy because of the city’s air pollution. Yet no one has suggested evacuating that city.

We also used the J-value to examine the decisions made after the world’s worst nuclear accident, which occurred 25 years before Fukushima at the Chernobyl nuclear power plant in Ukraine. In that case, 116,000 people were moved out in 1986, never to return, and a further 220,000 followed in 1990.

By calculating the J-value using data on people in Ukraine and Belarus in the late 1980s and early 1990s, we can work out the minimum amount of life expectancy people would have been willing to evacuate for. In this instance, people should only have been moved if their lifetime radiation exposure would have reduced their life expectancy by nine months or more.

This appbilllied to just 31,000 people. If we took a more cautious approach and said that if one in 20 of a town’s inhabitants lost this much life expectancy, then the whole settlement should be moved, it would still only mean the evacuation of 72,500 people. The 220,000 people in the second relocation lost at most three months’ life expectancy and so none of them should have been moved. In total, only between 10% and 20% of the number relocated needed to move away.

To support our research, colleagues at the University of Manchester analysed hundreds of possible large nuclear reactor accidents across the world. They found relocation was not a sensible policy in any of the expected case scenarios they examined.

More harm than good

Some might argue that people have the right to be evacuated if their life expectancy is threatened at all. But overspending on extremely expensive evacuation can actually harm the people it is supposed to help. For example, the World Heath Organisation has documented the psychological damage done to the Chernobyl evacuees, including their conviction that they are doomed to die young.

From their perspective, this belief is entirely logical. Nuclear refugees can’t be expected to understand exactly how radiation works, but they know when huge amounts of money are being spent. These payments can come to be seen as compensation, suggesting the radiation must have left them in an awful state of health. Their governments have never lavished such amounts of money on them before, so they believe their situation must be dire.they

The ConversationBut the reality is that, in most cases, the risk from radiation exposure if they stay in their homes is minimal. It is important that the precedents of Chernobyl and Fukushima do not establish mass relocation as the prime policy choice in the future, because this will benefit nobody.

Philip Thomas, Professor of Risk Management, University of Bristol

This article was originally published on The Conversation. Read the original article.

 


Notes
[1] For further and updated details:
http://www.who.int/ionizing_radiation/pub_meet/fukushima_risk_assessment_2013/en/
http://www-pub.iaea.org/MTCD/Publications/PDF/Pub1710-ReportByTheDG-Web.pdf
http://www.jaif.or.jp/en/unscear-white-paper-reiterates-findings-that-fukushima-risks-are-low/

http://www.unscear.org/unscear/en/publications/Fukushima_WP2017.html
[2] The article is republished under Creative Commons licence.
Here the article URL:
https://theconversation.com/evacuating-a-nuclear-disaster-areas-is-usually-a-waste-of-time-and-money-says-study-87697
Disclosure statement:
P
hilip Thomas is Professor of Risk Management at the University of Bristol and is director of Michaelmas Consulting Ltd. The work reported on was carried out as part of the NREFS project, Management of Nuclear Risk Issues: Environmental, Financial and Safety, led by Philip Thomas while he was at City, University of London and carried out in collaboration with Manchester, Warwick and Open Universities and with the support of the Atomic Energy Commission of India as part of the UK-India Civil Nuclear Power Collaboration. The author acknowledges the support of the Engineering and Physical Sciences Research Council (EPSRC) under grant reference number EP/K007580/1. The views expressed in the paper are those of the author and not necessarily those of the NREFS project.

 

 

Scientific Cooperation Across the Cold War Divide

Segnaliamo la seguente iniziativa: Il Convegno Internazionale Scientific Cooperation Across the Cold War Divide: East-West Relations in the Field of Atomic Energy.
Il convegno è organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste e dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II, in collaborazione con CERIC-Central European Research Infrastructure Consortium e si terrà a Trieste nei giorni 23-24 novembre 2017.

Locandina Convegno Trieste

Capture2
https://nucleareeragionedotorg.files.wordpress.com/2017/11/loc-convegno-trieste.pdf