Aperta la consultazione pubblica sulla Strategia energetica nazionale

Conferenza Nazionale sull'Energia

I Ministeri dell’Ambiente e per lo Sviluppo Economico hanno pubblicato oggi un documento di consultazione per la Strategia Energetica Nazionale.
Il documento è scaricabile qui, mentresulla pagina del MiSe è stato predisposto un questionario attraverso il quale gli organi istituzionali competenti, le imprese, gli esperti e i cittadini possono inviare, da oggi e per un mese, commenti, segnalazioni e proposte.

Come accadde anche in occasione della consultazione per la Strategia Energetica Nazionale approvata nel 2013 (un’esistenza assai effimera…), non mancheremo di dare il nostro contributo.

POSTER Officina1

View original post

Le sfide della decarbonizzazione

A Ravenna2017, a “Fare i Conti con l’ambiente”, ci saremo anche noi.

Conferenza Nazionale sull'Energia

Anche quest’anno “Energie per l’Italia del Futuro” e “Comitato Nucleare e Ragione” saranno presenti al festival scientifico “Fare i Conti con l’ambiente – Ravenna 2017“, ospiti di Labelab ed Ekoclub International.
Il workshop in programma, intitolato “Il Bosco coltivato ad Arte – Le Sfide della decarbonizzazione”, avrà luogo il 19 maggio presso il Palazzo Rasponi dalle Teste a Ravenna.
Per prenotazioni e informazioni: http://www.labelab.it/ravenna2017/events/workshop-r-il-bosco-coltivato-ad-arte-iii-edizione-le-sfide-della-decarbonizzazione/

ravenna2017W_Rloc

View original post

Quando si dice “fake news”

Ad imperitura vergogna.

repubblica_fakenews_1

Fonte: http://www.repubblica.it/esteri/2011/03/20/news/tokyo_capitale_in_agonia-13852633/

Per ulteriori dettagli consigliamo l’ottimo pezzo del prof. Mattia Butta: http://www.butta.org/?p=19600

Qui la descrizione sul “Wall of Shame”: http://www.jpquake.info/home/la-repubblica#TOC-2011-03-20

Strategie Energetiche e Titolo V della Costituzione

Conferenza Nazionale sull'Energia

La riforma costituzionale che sarà soggetta il prossimo 4 dicembre a consultazione referendaria prevede, tra le tante cose, anche una sostanziale modifica del Titolo V della Costituzione, ovvero del riparto delle competenze tra Stato e Regioni.
La Legge n.3 del 18 ottobre 2001 introdusse nella carta costituzionale una classificazione delle materie legislative, definendo tre categorie: le materie di competenza esclusiva dello Stato; le materie a legislazione concorrente tra Stato e Regione; tutte le materie non espressamente nominate nelle due categorie precedenti, la cui potestà legislativa spettava alle Regioni.
E’ da rilevare come il concetto di legislazione concorrente sia stato da più parti criticato per la sua ambiguità applicativa, che ha causato negli anni una certa disomogeneità normativa tra le diverse realtà regionali, nonché un aumento consistente di contenziosi tra Stato e Regioni presso la Corte Costituzionale.
La riforma del 2016 prevede l’eliminazione deIla legislazione concorrente e una redistribuzione esplicita e…

View original post 143 altre parole

Comparing nuclear power plants and wind farms resilience to hurricanes

Hurricane Matthew affected the continental US last week, the first since 2005. It was a category 5 hurricane that caused more than 1000 deaths, mostly in Haiti, and about 7 billion dollars damage as a preliminary estimate.

As Matthew quickly moved toward Florida and the Carolinas, rigorous procedures to ensure safe operations of nuclear power plants in the affected areas were implemented.

Four NPP are located within the affected area: St. Lucie (FL), Robinson (SC), Harris and Brunswick (NC), for an overall capacity of about 5600 MW.

Previous hurricanes have shown that NPP are robust facilities able to withstand strong hurricane winds and storm surge [1], nevertheless the “unusual event” status – the lowest NRC’s emergency condition- was declared for all the plants [2].

Hurricane Matthew in a snapshot from NASA, with the location of NPP. After [2].
Hurricane Matthew in a snapshot from NASA, with the location of NPP. After [2].
The plant personnel made sure that all the equipment potentially affected by heavy wind and rain were secured and a “walkdown” inspection through the plants response to disaster condition was initiated, including assessing the availability of emergency diesel power generators for at least a week.

When Matthew made landfall in South Carolina, early on Saturday, Robinson plant safely shut down due to loss of power and flooding of transformers. Harris suffered power outage too, but was already shut down for scheduled refueling. Brunswick was instead fully operational but was required to modulate down to 50% capacity on Sunday in order to respond to reduced capacity of the grid. By Wednesday all nuclear plants exited their “unusual event” status and, after routine safety inspections, ramped back to full capacity.

Wind power is the fastest growing renewable source in the US. According to DOE scenarios of 20% wind power in the US by 2030 (2008, [3]), offshore wind should contribute with 54 GW. Most of this power should come from shallow to intermediate depth farms along the Atlantic coast, that has a potential capacity of 920 GW and the Gulf region, with a potential capacity of 460 GW [4]. Incidentally, those regions are the preferred hurricanes corridors! Regardless the accuracy of these estimates and the feasibility of the envisioned goals, how would the wind farms stand a hurricane?

In August 2003, the typhoon Dujuan hit the southern part of China and caused severe damage to a wind farm located in the coastal area of the Guangdong province. The wind turbines were designed to survive a maximum gust of 70 m/s, but a maximum gust simultaneously with significant yaw error and rotor standstill had not been considered. The actual maximum gust did not exceed the design maximum gust of 70 m/s. Several wind vanes were damaged during the cyclone’s passage [5].

Few days later, typhoon Maemi almost flattened a wind farm on Miyakojima Island (Japan) [6].

Miyakojima Island 6 turbines wind farm after the passage of typhoon Maemi. Modified after [6].
Miyakojima Island 6 turbines wind farm after the passage of typhoon Maemi. Modified after [6].
While blades are relatively easy to replace, tower buckling is a severe damage that can require months to years for restoration [7].

At present there are no wind farms offshore the US East coast and in the Gulf of Mexico, but several are planned.

Thus a recent paper [7] estimated the resilience of offshore wind farms to storm conditions. Wind turbines are designed to operate with winds up to 25 m/s, over this threshold they shut down for safety reasons. The turbines currently on the market (Class 1) may (ideally, as Dujuan typhoon taught us) stand winds up to 70 m/s, but hurricane winds often exceed 80 m/s. Although the design of hurricane resilient turbines would be possible (Class S), this option comes with compromises on the productivity (i.e. they need stronger cut in wind to operate) besides higher costs [8].

Rose et al. (2012) [7] model both the risk from a single hurricane and the cumulative risk over the lifespan of a wind farm, through 4 sites offshore the Gulf and the Atlantic coast where farms are planned. Considering a farm size of 50 turbines, a considerable number of them is expected to be buckled down over a 20 years period by passing hurricanes: 16 out of 50 in Galveston County (TX) and 8 out of 50 in Dare County (NC), while numbers decrease in NJ and MA, where usually hurricanes loose strength.

Expected number of turbine towers buckled in 20 years for sample 50 turbines wind farms planned on the Gulf and Atlantic Coast. After [7]
Expected number of turbine towers buckled in 20 years for sample 50 turbines wind farms planned on the Gulf and Atlantic Coast. After [7]
Stronger hurricanes, category 4 and 5, cause more damage although occur less frequently. Overall, the damage occurrence over a turbine lifespan is dominated by one or two hurricanes. Most of the offshore wind potential is concentrated offshore Texas, Louisiana and North Carolina. The same for hurricane occurrence, at least one every 4 years, thus making the risk of significant loss of the capital investment relevant over a 20 years long period.

Rate of hurricane occurrence against Offshore wind resource. They go nicely together. After [7]
Rate of hurricane occurrence against Offshore wind resource. They go nicely together. After [7]
Yawing wind turbines, i.e. those that can oscillate and move accommodating fast wind direction changes, have better chances of survival. This would come to the expense of providing them a power back up, worth $ 30.000-40.000 each. The overall additional costs to improve hurricane resilience are estimated in 20-30% for onshore turbines, something less for offshore.

Another concern of a massive penetration of wind farms in hurricane prone areas would be how to assure the stability of the grid, thus of the power supply, through the shutdown period or the even longer time span required to restore severely damaged turbines. Again, as the recent case of Southern Australia showed [9], a base load of non intermittent and programmable is required. Thus here we are again talking about conventional thermoelectric power, you would think. Indeed “new energy” is often synonym of new unreliable installations with expensive back-up powered by fossil fuels, at best by natural gas. No thanks: our mind always run back to nuclear power!

 

Sources

[1] https://public-blog.nrc-gateway.gov/2016/10/06/hurricane-matthew-and-the-nrc/

[2] http://www.nei.org/News-Media/News/News-Archives/Southeast-s-Nuclear-Plants-Easily-Weather-Hurrican

[3]Shwartz M, Heimiller D, Haymes S, Musial W (2010) Assessment of Offshore Wind Energy Resources for the United States. (National Renewable Energy Laboratory, Gold- en, CO).

[4] Lindenberg S, Smith B, O’Dell K, DeMeo E, Ram B (2008) 20% Wind Energy by 2020: Increasing Wind Energy’s Contribution to US. Electricity Supply (National Renewable Energy Laboratory, Golden, CO).

[5] Clausen N, et al. (2007) Wind farms in regions exposed to tropical cyclones. (Germanischer Lloyd WindEnergie GmbH, Hamburg) European Wind Energy Conference and Exhibition.

[6]Takahara K, et al. (2004) Damages of wind turbine on Miyakojima Island by Typhoon Maemi in 2003.

[7] Rose, S., Jaramillo, P., Small, M. J., Grossmann, I., & Apt, J. (2012). Quantifying the hurricane risk to offshore wind turbines. Proceedings of the National Academy of Sciences109(9), 3247-3252.

[8] Musial, W. (2011). Large-Scale Offshore Wind Power in the United States: Assessment of Opportunities and Barriers. DIANE Publishing

[9] http://www.news.com.au/technology/environment/preliminary-report-reveals-cause-of-south-australia-blackout/news-story/92606772798e23e1ceec8c53f4256900

 

La politica energetica all’ombra del campanile

[Quando parliamo di “ambiente” facciamo riferimento anche a una particolare relazione: quella tra la natura e la società che la abita. Questo ci impedisce di considerare la natura come qualcosa di separato da noi o come una mera cornice della nostra vita. Siamo inclusi in essa, siamo parte di essa e ne siamo compenetrati. Le ragioni per le quali un luogo viene inquinato richiedono un’analisi del funzionamento della società, della sua economia, del suo comportamento, dei suoi modi di comprendere la realtà. Data l’ampiezza dei cambiamenti, non è più possibile trovare una risposta specifica e indipendente per ogni singola parte del problema. È fondamentale cercare soluzioni integrali, che considerino le interazioni dei sistemi naturali tra loro e con i sistemi sociali. Non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale. Le direttrici per la soluzione richiedono un approccio integrale per combattere la povertà, per restituire la dignità agli esclusi e nello stesso tempo per prendersi cura della natura.

Lettera Enciclica Laudato Si’ del Santo Padre Francesco sulla Cura della Casa Comune]

61871

Apprendiamo da fonti di stampa che il Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Italiana, riunitosi a Genova dal 14 al 16 marzo, avrebbe anche affrontato “la tematica delle trivelle”, ovvero l’oggetto del referendum del 17 aprile prossimo.

I vescovi italiani – riporta il comunicato ufficiale della CEI – avrebbero concordato sulla opportunità che la questione venga dibattuta nelle comunità “al fine di favorirne una soluzione appropriata alla luce dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco”.

Avendo noi di Nucleare e Ragione letto e meditato l’enciclica ed essendo il tempo a disposizione molto ristretto, umilmente ci permettiamo di suggerire alcuni spunti:

§93 Oggi, credenti e non credenti sono d’accordo sul fatto che la terra è essenzialmente una eredità comune, i cui frutti devono andare a beneficio di tutti. Per i credenti questo diventa una questione di fedeltà al Creatore, perché Dio ha creato il mondo per tutti. Di conseguenza, ogni approccio ecologico deve integrare una prospettiva sociale che tenga conto dei diritti fondamentali dei più svantaggiati.

Le comunità si soffermino sulle ricadute e le conseguenze delle proprie decisioni (o indecisioni) sul resto dell’umanità, con particolare riguardo alle ricadute ambientali e socio-politiche di una rinuncia alla produzione nazionale di idrocarburi in favore di una maggiore importazione da Paesi esteri, spesso poveri o teatro di conflitti proprio per le loro appetibili (da noi) risorse. Si ponga l’attenzione sul fatto che la sindrome NIMBY (non nel mio giardino) risulterebbe di difficile attuazione in questo contesto.

Le comunità si soffermino sulla necessità di spostare la prospettiva sull’argomento dal proprio baricentro individuale alla totalità umana. In un Mondo sempre più interconnesso, spostare altrove i problemi che non si desidera avere sotto casa non significa forse distogliere lo sguardo da quelli del nostro prossimo?

§67 È importante leggere i testi biblici nel loro contesto, con una giusta ermeneutica, e ricordare che essi ci invitano a «coltivare e custodire» il giardino del mondo (cfr Gen 2,15).

Ogni comunità può prendere dalla bontà della terra ciò di cui ha bisogno per la propria sopravvivenza, ma ha anche il dovere di tutelarla e garantire la continuità della sua fertilità per le generazioni future.

Forse non è un refuso il fatto che nel comunicato CEI ci si riferisca alla “coltivazione[1] di petrolio e metano”. In effetti lo sfruttamento sapiente e responsabile di tali risorse può essere a tutti gli effetti definito un “coltivarle”, per nulla in contrasto quindi con la “conservazione” del giardino, ovvero dell’ambiente. Le comunità si soffermino su questa azione di fiducia di Dio nei confronti dell’uomo, valorizzando le conoscenze tecniche di chi lavora nel campo dell’estrazione degli idrocarburi e vigilando, ciascuno nel proprio ambito, alla corretta attuazione delle regole di convivenza sociale e salvaguardia ambientale;

§183 La partecipazione richiede che tutti siano adeguatamente informati sui diversi aspetti e sui vari rischi e possibilità, e non si riduce alla decisione iniziale su un progetto, ma implica anche azioni di controllo o monitoraggio costante. C’è bisogno di sincerità e verità nelle discussioni scientifiche e politiche, senza limitarsi a considerare che cosa sia permesso o meno dalla legislazione.

Si riconosca che diversi sono i talenti, ma uno solo è lo Spirito che li emana, per cui non tutte le questioni, specie quelle complesse come la politica energetica, possono essere discusse e indirizzate dal volere del singolo cittadino o della particolare comunità, ma si deve tener conto del parere e dell’esperienza tecnico scientifica e delle interconnessioni accennate nei punti precedenti, affinché il dibattito porti veramente frutti maturi.

Fiduciosi nei frutti che potranno scaturire da un dibattito similmente indirizzato, auspichiamo con rinnovata forza che sempre più cittadini si uniscano al nostro appello affinché il Governo convochi una Conferenza Nazionale sull’Energia, nella quale questa e più ampie e innumerevoli questioni possano trovare sostanziale, duratura e condivisa soluzione.

Note:

[1] Per coltivazione degli idrocarburi e più in generale in ambito minerario si intende la fase successiva all’esplorazione e ricerca in cui viene decisa la modalità più opportuna dal punto di vista tecnico-ambientale per lo sfruttamento del giacimento, prima della commercializzazione della risorsa.

La posizione del Comitato Nucleare e Ragione sul referendum No-Triv

Le ragioni del SI sono deboli, ma soprattutto il referendum è lo strumento sbagliato per indirizzare le scelte di politica energetica, che meriterebbero ben altra attenzione. La politica smetta di essere miope, guardi oltre il proprio naso e si convochi una Conferenza Nazionale sull’Energia che dia frutti duraturi in un quadro condiviso.

Il prossimo 17 aprile i cittadini italiani saranno chiamati alle urne per esprimersi su un singolo quesito referendario, popolarmente noto come “referendum anti trivelle” o “No-Triv”. Il quesito, proposto lo scorso autunno da 10 consigli regionali, testualmente recita:

“Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale?”

Messo così probabilmente non dice nulla alla gran parte di noi, dunque proviamo a capire di cosa si tratta.

Sostanzialmente si chiede al cittadino se vuole abrogare la possibilità per le industrie estrattive (Gas e Petrolio) che operano su piattaforme site nelle acque nazionali (entro 12 miglia dalla costa) di rinnovare la concessione e di continuare ad operare fino all’esaurimento del giacimento.

Il quesito dunque non riguarda né l’esplorazione ed estrazione di idrocarburi a terra né quelle in acque internazionali (oltre le 12 miglia).

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, il referendum verte su 21 concessioni petrolifere tra quelle operanti in Italia su piattaforme offshore (oltre 130 in totale, che coprono il 10% del fabbisogno nazionale di idrocarburi).

Se vincono i SI, queste concessioni non potranno più essere rinnovate alla loro naturale scadenza (che varia a seconda dell’età dell’impianto) e i giacimenti dovranno essere abbandonati anche se ancora produttivi.

Se vincono i NO, le concessioni alla loro scadenza potranno essere rinnovate, previa procedura di valutazione dell’impatto ambientale, ed operare nel rispetto delle norme di sicurezza e tutela ambientale fino all’esaurimento del giacimento.

Il numero delle concessioni coinvolte dal quesito, relativamente ridotto, può indurre l’idea che la questione sia marginale, e questo forse è il motivo per cui il dibattito sul tema non è molto acceso.

Le ragioni di merito dei comitati per il SI, capeggiati dalle associazioni ambientaliste, ma non tutte, sono la salvaguardia ambientale e paesaggistica delle coste italiane, nonché la difesa dell’industria turistica.

Tali ragioni, a nostro avviso, sono deboli. Le piattaforme estrattive italiane dimostrano elevata sostenibilità ambientale, sono molto meno invadenti di molti eco-mostri che deturpano le nostre coste e sono finanche un’attrattiva turistica. Basti pensare che la regione con il maggior numero di trivelle, l’Emilia Romagna, ha un consolidato turismo balneare.

Gravi incidenti ambientali, seppur possibili, sono improbabili e comunque di minor livello rispetto al gran numero di petroliere che solcano i nostri mari, numero che inevitabilmente aumenterebbe qualora la produzione nazionale, vincendo i SI, venisse ridotta.

Mappa dei giacimenti interessati dal referendum (fonte Il Sole 24 Ore).
Mappa dei giacimenti interessati dal referendum (fonte Il Sole 24 Ore).

Le ragioni di merito dei comitati per il NO sono simmetricamente opposte per quanto riguarda i rischi per ambiente e turismo, alle quali si aggiunge il problema occupazionale (numeri rilevanti tra estrazione ed indotto) e la continuità degli investimenti, nonché delle ricche Royalties e gettito fiscale pagati allo Stato dalle compagnie estrattive.

Ma vale la pena ricordare che questo referendum, primo nella storia dei referendum popolari, è stato promosso dalle Regioni, 10 per l’esattezza, con un chiaro intento politico, ovvero quello di non cedere potere decisionale in materia energetica ai Governi nazionali, che a più riprese, dalla SEN di Monti e Passera in poi, avevano provato a recuperare spazio di manovra dopo la maldestra frammentazione dei poteri decretata dalla riforma del Titolo V della Costituzione, che di fatto rendeva l’energia materia di competenza concorrente tra Stato e Regioni.

Di referendum “politico” parlano apertamente anche i favorevoli al il SI: l’obbiettivo vero è infatti quello di marcare la politica energetica italiana, forzando l’uscita dalle fonti fossili per puntare ad un – a nostro avviso irrealistico – 100% di rinnovabili.

Scoperte le carte, si evince che il referendum è solo un mezzo – sbagliato, e spiegheremo perché – per condizionare la politica energetica italiana, menomandola e azzoppandola nei suoi già fragili, contraddittori e limitati contenuti.

Su una cosa infatti comitati per il SI e per il NO concordano, e noi pure: la materia in questione è complessa e delicata e non si addice al referendum.

Tale affermazione suona evidentemente civettuola da parte di chi il referendum l’ha promosso e lo cavalca, ma è nella sostanza adamantinamente condivisibile.

Anche perché nessuno spiega dove andremo a prendere il 10% del fabbisogno di idrocarburi (in totale Petrolio e Gas forniscono il 65% dell’energia consumata dagli italiani) prodotto dalle trivelle nostrane. È evidente che – come accaduto nel 1987 in seguito al primo (disgraziato, ndr) referendum sul nucleare – tale quota verrà coperta dalle importazioni, magari provenienti da piattaforme operate da compagnie straniere a 13 miglia dalla costa o da Paesi sfortunati come Siria, Libia o Nigeria, al pari di come oggi importiamo energia elettrica prodotta dalle centrali nucleari operanti appena oltre i nostri confini nazionali.

Al danno economico seguirebbe la beffa della persistenza del rischio ambientale!

L’incremento della produzione nazionale di idrocarburi – piaccia o no – era uno dei perni della SEN del 2012, che resterebbe azzoppata ed inapplicabile dall’esito referendario e dalle sue possibili, più ampie, conseguenze.

Il Comitato Nucleare e Ragione, tramite l’unità d’intenti promossa in queste pagine, fin dalla sua fondazione, e più marcatamente dal 2012 – anno della SEN – si batte per una definizione organica e lungimirante della strategia energetica italiana, che scaturisca – sotto forma di un Piano Energetico Nazionale che in Italia manca dal 1988 – da una Conferenza Nazionale sull’Energia in grado di sintetizzare il parere della comunità tecnico-scientifica e gli interessi della comunità nazionale e delle istituzioni locali, con un occhio all’Europa con cui siamo interconnessi e di cui condividiamo i destini.

La nostra posizione ed il nostro invito in merito al referendum del 17 aprile sono dunque semplici e chiari: rechiamoci alle urne e scriviamo sulla scheda “Conferenza energetica subito!”

In questo modo lanceremo un segale forte alla politica affinché una questione vitale per il benessere ed il progresso della Nazione riceva la dovuta attenzione istituzionale, e non sia oggetto di corte vedute e miopi ricatti di bottega, ma esito di uno sforzo di concerto, da cui nasca una Costituzione Energetica per l’Italia, quale ossatura dello sviluppo delle generazioni future.

Aggiornamento 16/03/2016: per partecipare all’evento su Facebook, cliccare qui.