Felice Ippolito

[Riceviamo e volentieri pubblichiamo da un caro amico che ha partecipato al Convegno intitolato “Cento Anni dalla nascita di Felice Ippolito”, svoltosi a Roma lo scorso 9 dicembre.]

110

Felice Ippolito: un gigante assoluto della cultura italiana; uno determinato a far diventare il Paese quello che ancora non era. Con Mattei – è stato ricordato – con Olivetti, Amaldi, Enrico Persico e diversi altri, il Paese incomincia a crederci veramente, sogna, struttura, cresce. In quegli anni nasce per mano anche di questi veggenti l’Italia del futuro; pochi anni dopo, uomini molto più piccoli di loro, portatori di messaggi ed interessi meschini, li fermeranno ponendo le premesse storiche della crisi presente.

L’Associazione Italiana Nucleare, sia lode al Presidente Minopoli che l’ha voluta, ha organizzato una celebrazione del centenario della nascita di quest’uomo: padre del nucleare in Italia, padre del CNRN, poi CNEN, oggi ENEA, e fra i padri della nazionalizzazione dell’Energia nell’ENEL. Padre anche della rivista Le Scienze, un tempo assai prestigiosa. Molti gli intervenuti il 9 dicembre: gremita la sala Capranichetta dell’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio, e diversi gli interventi di rilievo. Innanzitutto quello di Carlo Bernardini, che riportiamo qui nel seguito nella sua conclusione.

Belle le parole contenute nel messaggio del Presidente emerito Giorgio Napolitano. Relazioni storiche autorevolissime, da Giovanni Paoloni a Pietro Greco, e diversi testimoni delle vicende. Roberto Adinolfi, A.D. di Ansaldo Nucleare chiude il suo ragionamento aprendo al futuro: invocando il coraggio ed il gusto per le grandi sfide. Subito dopo Davide Tabarelli a richiamare la necessità degli arditi, di gettare il proprio cuore oltre l’ostacolo, Alessandro Ortis in un accorato intervento a stigmatizzare la situazione che ha provocato lo scollamento fra il Paese e la sua Scienza, e Davide Giusti a ricordare la responsabilità delle classi dirigenti politiche, ma anche tecniche, e a richiedere una giornata ancora dedicata ad Ippolito, ma interamente volta a presentare progetti nuovi, anche in condizioni embrionali: quindi l’annuncio del Presidente Minopoli della costituzione di una Fondazione intitolata allo scienziato ed uomo di Stato Italiano.

111

Ha chiuso i lavori Marco Simoni, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sollevando fra l’altro l’attenzione sui messaggi attualmente veicolati dal sistema scolastico e dalla stampa.

Nel fondo del fondo l’interrogativo con cui si chiude la riflessione di Carlo Bernardini:
perché, in tanti anni scrutando fra i miei studenti, mai vi ho ritrovato qualcuno che coltivasse in animo il connubio fra il lavoro individuale e l’interesse generale: un altro Ippolito? “Avendo io insegnato per tanti anni in un corso di laurea scientifico, mi sono guardato intorno per vedere, tra i miei studenti, se per caso ci fosse un futuro “Ippolito nascosto” che si manifestasse attraverso una curiosità particolare per l’interesse pubblico di ciò che andava studiando. Il mio cruccio sta nel dover riconoscere che negli anni ’50, detti non a caso della ricostruzione postbellica, c’erano tutti i presupposti perché i giovani si rendessero disponibili all’interesse pubblico; mi è sembrato però di dover riconoscere che la tipologia adatta a questa finalità fosse scomparsa: i giovani di oggi sono forse molto meno propensi a occuparsi di fruttuose collaborazioni e si chiudono molto di più nelle attività individuali. Rimugino continuamente su ciò che è sbagliato, da questo punto di vista, nei processi di educazione, formazione e identificazione di un lavoro promettente. Forse una tipologia impiegatizia, subordinata a modesti impegni individuali, ha preso il sopravvento; non saprei dire per colpa di chi. Dovremmo ripensare tutto ciò che riguarda l’educazione, la formazione, la storia degli impegni di lavoro e trarne le conseguenze. Mi pare però che ci sia sotto un problema di mentalità diffusa che la vicenda Ippolito dovrebbe smascherare e correggere: lo dico soprattutto per chi fa le scelte politiche e chiede al governo di portarci al bene comune“.

Il Governo Italiano avvia la “consultazione pubblica” sulla nuova Strategia Energetica Nazionale.

Il Comitato Nucleare e Ragione aderisce alla consultazione e lancia un appello sottoscrivibile da tutti i cittadini, per chiedere al Governo la convocazione di una Conferenza Nazionale sull’Energia.

Il giorno 16 ottobre il Consiglio dei Ministri ha approvato le linee guida per la nuova Strategia Energetica Nazionale, presentate dal Ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti Corrado Passera.
Tali linee guida sono inserite in un corposo documento nel quale vengono delineate misure decisamente ambiziose in materia energetica, finalizzate al pieno raggiungimento e al superamento degli obiettivi imposti dalle direttive europee per il 2020: efficienza energetica, riduzione dei gas serra, sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili sono le parole chiave, assieme ad un rafforzamento generale del sistema di aprovvigionamento energetico, che il governo mira a rendere meno dipendente dall’estero mediante una diversificazione dei fornitori ed un incremento della produzione nazionale degli idrocarburi.
Per la prima volta, dal 1988, un governo elabora una Strategia Energetica organica e strutturata: si tratta sicuramente di un risultato ragguardevole.

Prima di entrare nel merito dei provvedimenti annunciati, vorremmo qui commentare il metodo scelto dal governo per la loro diffusione, approvazione ed esecuzione. Da una parte è sicuramente molto positivo il ricorso, annunciato con enfasi, alla “consultazione pubblica” sia con gli addetti del settore, che possono inviare commenti e suggerimenti attraverso un questionario on-line, sia con le parti interessate – istituzioni (in particolare le Commissioni Parlamentari competenti), associazioni di categoria e parti sociali – mediante consultazioni formali che, a detto del governo, verranno avviate nel corso delle prossime settimane.
Tale percorso, seppur innovativo in molti suoi aspetti nel panorama politico italiano, rischia tuttavia di non essere sufficiente per evitare che esso naufraghi nell’usuale copione, tipico del nostro Paese: una serie di decisioni formulate dal governo e da pochi addetti (le grandi compagnie operanti nel settore energetico), calate dall’alto  senza un “reale” e trasparente coinvolgimento dei cittadini e delle amministrazioni nel processo decisionale, con il consueto risultato finale di una mancata attuazione dei provvedimenti stessi, a causa delle opposizioni degli enti locali e dei cittadini coinvolti.
Crediamo che un reale dibattito, in merito agli obiettivi e al loro raggiungimento, soprattutto per quanto riguarda la fase concretamente attuativa della nuova strategia, possa avvenire solamente mediante una Conferenza per l’Energia. A tale conferenza dovrebbero partecipare, congiuntamente, tutti i soggetti coinvolti, al fine di trovare una convergenza che rappresenti per davvero l’interesse generale del Paese, e non solamente di settori particolari (o di realtà territoriali particolari), come accadrebbe qualora si perseguisse la strada delle consultazioni formali bilaterali.
Per questo motivo chiediamo a tutti i cittadini di partecipare alla consultazione pubblica avviata dal Governo, inviando la richiesta di convocazione di una Conferenza Nazionale per l’Energia mediante il modulo predisposto al seguente sito web:
www.conferenzaenergia.wordpress.com